Arata Isozaki. MoLA, foto per gentile concessione di Yasuhiro Ishimoto
in foto: Arata Isozaki. MoLA, foto per gentile concessione di Yasuhiro Ishimoto

Arata Isozaki è il 46° vincitore del Pritzker Prize, il premio di architettura più ambito al mondo. Considerato un visionario nel mondo dell'architettura contemporanea, la giuria del Pritzker Prize 2019 lo ha premiato perché: "Possedendo una profonda conoscenza della storia e della teoria architettonica e abbracciando le avanguardie, non ha mai semplicemente replicato lo status quo, ma la sua ricerca di un'architettura significativa si è riflessa nei suoi edifici che fino ad oggi , sfidare categorizzazioni stilistiche, sono in continua evoluzione, e sempre fresco nel loro approccio.".

Arata Isozaki, architetto giapponese tra i più prolifici al mondo, ha aiutato con il suo lavoro il dialogo tra Oriente e Occidente e sviluppato le nuove generazioni sul territorio. Importanti sono sicuramente le opere nella sua città natia come Medicalita Medical Hall (1959-60) e Annex (1970-1972 Ōita, Giappone) e la Prefita Prefectural Library (1962-1966 Ōita, Giappone, ribattezzata Ōita Art Plaza nel 1996); ma Isozaki è stato uno dei primi architetti giapponesi a costruire fuori dal Giappone, condizionando il design occidentale con la sua visione. La sua architettura, geometricamente semplice, può essere definita globale.

Domus: La Casa del Hombre, foto gentilmente concessa da Hisao Suzuki
in foto: Domus: La Casa del Hombre, foto gentilmente concessa da Hisao Suzuki

Il Museum of Contemporary Art a Los Angeles è stato il primo edificio internazionale realizzato da Arata Isozaki, nel 1986. Qui emerge la cultura della sezione aurea e dello yin e yang, occidente e oriente. Tutte le sue opere sono intrise di teoria. Forma e tempo si mischiano nel lavoro di Isozaki. Palau Sant Jordi (1983-1990 Barcellona, ​​Spagna), progettato per i Giochi olimpici estivi del 1992, è progettato come una struttura ipogea, per sottolineare la circostante collina di Montjuïc, con una copertura che ricorda le volte catalane e una forma inclinata come i tempi buddisti. Oriente e Occidente sempre insieme, perché l'architettura deve essere sia globale che locale.

Volevo vedere il mondo attraverso i miei occhi, così ho viaggiato in tutto il mondo almeno dieci volte prima di compiere trent'anni. Volevo sentire la vita delle persone in luoghi diversi e visitato ampiamente in Giappone, ma anche nel mondo islamico, nei villaggi nelle profonde montagne della Cina, nel Sud-est asiatico e nelle città metropolitane negli Stati Uniti. Stavo cercando di trovare opportunità per Faccio così, e attraverso questo, ho continuato a chiedermi ‘cos'è l'architettura?'
Arata Isozaki

L'architettura di Isozaki arricchisce il mondo da oltre sei decenni e sono più di un centinaio le opere realizzate dall'architetto giapponese, Pritzker Prize 2019, in Asia, Europa, Nord America, Medio Oriente e Australia. Si ricodano il Kitakyushu City Museum of Art (Fukuoka 1972-1974, Giappone), Tsukuba Center Building, (1979-1983 Ibaraki, Giappone), Art Tower Mito (1986-1990 Ibaraki, Giappone), Nara Centennial Hall (1992- 1998 Nara, Giappone), Pala Alpitour (2002-2006 Torino, Italia), Centro Himalaya (2003-2013 Shanghai, Cina), Allianz Tower (2003-2014 Milano, Italia), Qatar National Convention Center (Doha 2004-2011, Qatar ), e Shanghai Symphony Hall (2008-2014 Shanghai, Cina).

Palau Sant Jordi, foto per gentile concessione di Hisao Suzuki
in foto: Palau Sant Jordi, foto per gentile concessione di Hisao Suzuki