Durante il lockdown da pandemia globale New York, come altre città del mondo colpite dall'emergenza Covid-19, era surreale con le strade deserte, senza turisti, niente taxi e silenziosa. Mentre infatti le attività chiudevano, la gente si ritirava in quarantena e i musei si svuotavano di visitatori, il Museo Solomon R. Guggenheim di New York ha continuato a far pulsare e crescere una piccola serra al piano terra, che si può ancora osservare passando sulla Fifth Avenue. La serra fa parte della mostra "Countryside, The Future" di Rem Koolhaas che ha portato la campagna a New York.

"Rimettere la campagna all'ordine del giorno" è l'obiettivo della mostra di Rem Koolhaas che esplora la campagna nel museo Guggenheim di New York , "Countryside, The Future", sviluppata con il suo studio di ricerca AMO, il suo direttore Samir Bantal e una serie di collaboratori. "Questa mostra non ha nulla a che fare con l'arte, niente a che vedere con l'architettura. È uno spettacolo su socialità, antropologia e politica", ha detto il noto architetto nel discorso di inaugurazione della mostra che arriva 40 anni dopo il lancio del suo libro "Delirious New York". Rem Koolhaas ha dichiarato: “Negli ultimi decenni, ho notato che mentre molte delle nostre energie e intelligenze si sono concentrate sulle aree urbane del mondo, sotto l'influenza del riscaldamento globale, dell'economia di mercato, delle società tecnologiche americane, delle iniziative africane ed europee , Politica cinese e altre forze: la campagna è cambiata quasi al di là del riconoscimento. La storia di questa trasformazione è in gran parte non raccontata ed è particolarmente significativo per AMO presentarla in uno dei più grandi musei del mondo in una delle città più fitte del mondo. "

Il visitatore è accolto alla mostra da un trattore Deutz-Fahr altamente tecnologico posto all'ingresso. all'ingresso. Al piano terra, attraverso una vetrina, i passanti e i visitatori possono ammirare una serra che coltiva pomodori sotto luci a LED rosa in un microclima finemente sintonizzato.. All'interno la mostra si snoda attraverso i vari livelli del Museo e seguendo la sua iconica spirale, progettata da Frank Lloyd Whright. L'esposizione affronta domande sullo sviluppo e il ruolo della campagna nel tempo: "Qual è stata la campagna storicamente, cosa hanno preparato per noi le principali figure politiche del XX secolo, qual è la condizione attuale, cosa deve essere fatto per il futuro e in che modo potrebbe prendere forma?", le risposte sono fornite nei sei livelli del museo attraverso immagini, film, materiale d'archivio, grafica per carta da parati, una tenda stampata, oggetti, opere d'arte riprodotte e sculture robotiche e una serie di casi specifici e unici come in Cina, Qatar, Germania, Kenya, Russia, Giappone, Stati Uniti e Paesi Bassi. La mostra, inaugurata il 20 febbraio 2020, ha poi chiuso a causa della pandemia globale ma dovrebbe restare aperta fino ad agosto 2020.