Una casa sull'albero a forma di enorme pigna ancora non si era mai vista. E se pensate che il rifugio nel cuore delle Alpi sia un piccola costruzione siete lontani dalla realtà perché l'originale casa sull'albero misura 70 metri quadrati. Pigna è il nome della casa sull'albero a forma di uovo progettata da Luca Beltrame e Gabriele Pascutti tra i boschi di Malborghetto, in provincia di Udine. Si sviluppa su tre livelli che sono sospesi a circa 10 metri da terra grazie ad una particolare struttura portante con pannelli di legno multistrato XLAM.

Pigna è stata creata per un concorso internazionale di progettazione di una casa sull'albero nel 2014 ma oggi è realtà. L'originale casa sull'albero è sospesa tra due alberi nei boschi di Malborghetto grazie ad struttura portante che misura 8,5 metri verticalmente per 6 di larghezza. Gli spazi della casa si suddividono su tre livelli: al primo piano, situato a 2,5 metri dal suolo, si colloca una terrazza con vista panoramica a 360° sul paesaggio montano circostante; al secondo livello si trova un'area living, con cucina e servizi, salottino con grande vetrata scorrevole che permette un costante contatto con la natura anche all’interno della struttura. La camera da letto si trova al terzo livello, a cui si accede attraverso delle scale che smontano su un pavimento circolare sui cui è posizionato il letto matrimoniale. Gli ospiti possono godere di un impagabile cielo stellato grazie ad un lucernario posto sul tetto proprio sopra al letto matrimoniale.

La particolare struttura a forma di pigna è resa possibile grazie all'uso di pannelli di legno multistrato XLAM. Questo innovativo materiale consente maggiore staticità e resistenza grazie alla disposizione dei pannelli ad X che vengono incollati ortogonalmente. La X permette così di rispondere perfettamente a tutte le sollecitazioni strutturali. I primi due livelli della casa si possono raggiungere tramite scale esterne, mentre alla camera da letto si può accedere solo dall'interno. La Pigna di Luca Beltrame e Gabriele Pascutti, grazie alla sua forma ad uovo, si inserisce perfettamente nel paesaggio boschivo delle Alpi e può essere ripetuta all'infinito.

XLAM

I pannelli XLAM hanno introdotto una rivoluzione nel mondo dei materiali da costruzione. Consistono in tavole di legno di abete rosso incrociate e incollate ortogonalmente. Questa particolare struttura permette di usare i pannelli XLAM per ogni tipo di edificio, anche multipiano. I pannelli sono prodotti in un processo altamente automatizzato già preformati in modo che, una volta portati in cantiere, devono essere solo assemblati in loco. "I pannelli XLAM DOLOMITI fungono da base per la realizzazione di superfici portanti che vengono già tagliate, con porte e finestre, seguendo il progetto originale e gli schemi di montaggio", spiega l'azienda XLAM DOLOMITI che produce i pannelli prefabbricati, caratterizzati da uno spessore variabile (da 57 a 297 mm), su progetto per poi mandarli già preformati, sagomati e numerati in cantiere, "I pannelli XLAM sono dei materiali da costruzione innovativi e performanti, caratterizzati da un’alta resistenza, flessibilità e robustezza. Hanno il pregio di associare la proprietà portante del legno lamellare con la bidimensionalità e la solidità del compensato. Le strutture così realizzate presentano inoltre caratteristiche di sostenibilità ambientale espressa in termini di risparmio energetico, resistenza sismica e resistenza al fuoco".