Balkrishna Doshi (photo courtesy of VSF)
in foto: Balkrishna Doshi (photo courtesy of VSF)

È stato assegnato il 45° premio Pritzker a Balkrishna Doshi. Per la prima volta il più prestigioso riconoscimento internazionale dell'architettura è stato assegnato ad un architetto indiano. La giuria del Pritzker Architecture Prize ha selezionato Balkrishna Doshi come vincitrice del premio Pritzker 2018 per i suoi numerosi lavori rivolti sempre al sociale, per il suo costante esempio di integrità e il suo instancabile contributo in India e oltre. La cerimonia del Pritzker Architecture Prize del 2018 si svolgerà a maggio 2018 al Museo Aga Khan di Toronto, in Canada, per celebrare il vincitore e commemorare il 40° anniversario del famoso riconoscimento.

Balkrishna Doshi

Architetto, urbanista e insegnante, Balkrishna Doshi ha plasmato l'arte dell'architettura in India, e a livello internazionale, negli ultimi 70 anni. La giuria del Premio Pritzker ha scelto di assegnargli il 45° premio Pritzker per il suo enorme contributo all'umanità, per la sua eccezionale architettura, che ha visto la realizzazione di oltre cento edifici in più di 60 anni, il suo impegno e la sua dedizione al suo paese e le comunità, la sua influenza come insegnante e l'eccezionale esempio per tutto il mondo dell'architettura. Balkrishna Doshi ha lavorato in giovane età con alcuni dei più stimati maestri dell'architettura del 20° secolo, come Le Corbusier e Louis Khan, da cui sicuramente è stato influenzato senza però rinunciare ad una propria interpretazione dell'architettura, rispettosa della cultura orientale e tesa al miglioramento della qualità della vita in India.

Le mie opere sono un'estensione della mia vita, filosofia e sogni che cercano di creare tesori dello spirito architettonico. Devo questo prestigioso premio al mio guru, Le Corbusier. I suoi insegnamenti mi hanno portato a mettere in discussione l'identità e mi hanno spinto a scoprire una nuova espressione contemporanea adottata a livello regionale per un habitat olistico sostenibile …con tutta la mia umiltà e gratitudine voglio ringraziare la giuria di Pritzker per questo riconoscimento profondamente toccante e gratificante del mio lavoro. Ciò conferma la mia convinzione che "la vita celebra quando lo stile di vita e l'architettura si fondono".

Balkrishna Doshi, vincitore del Premio Pritzker 2018

L'architettura

L'architettura di Doshi, come è affettuosamente chiamato da tutti quelli che lo conoscono, sin dagli anni '50 è sempre stata attenta ai bisogni fondamentali di ogni classe sociale, anche la più povera. L'architetto indiano ha progettato Aranya Low Cost Housing (Indore, 1989), che attualmente ospita oltre 80.000 persone, residenti a basso e medio reddito, attraverso un sistema di case, cortili e un labirinto di percorsi interni, con oltre 6.500 residenze che vanno da modeste unità abitative ad abitazioni spaziose. I suoi lavori sono sempre relazionati al contesto di un luogo e del suo ambiente, alle tradizioni sociali e ai ricordi della sua infanzia in India, dai ritmi del tempo al suono delle campane del tempio. Il suo approccio all'architettura è etico e personale. "Il professor Doshi ha affermato che" il design converte i rifugi in case, alloggi in comunità e città in magneti di opportunità ", commenta Pritzker. "Il lavoro della vita di Balkrishna Doshi sottolinea davvero la missione del Premio: dimostrare l'arte dell'architettura e fornire un servizio inestimabile per l'umanità".

Le opere

Lo studio d'architettura di Balkrishna Doshi si chiama Sangath, una parola sanscrita che significa "accompagnare" o "muoversi insieme", e rappresenta a pieno il concetto di architettura di Doshi. "Ogni oggetto che ci circonda e la natura stessa – luci, cielo, acqua e tempesta – tutto è in una sinfonia", spiega Doshi. "E questa sinfonia è l'essenza dell'architettura. Il mio lavoro è la storia della mia vita, in continua evoluzione, cambiamento e ricerca … alla ricerca di togliere il ruolo dell'architettura e guardare solo alla vita ". Opere di Balkrishna Doshi degne di nota sono il Centro accademico per la pianificazione e la tecnologia ambientale (CEPT University) (Ahmedabad, 1966-2012); spazi culturali come il Tagore Memorial Hall (Ahmedabad, 1967), l'Institute of Indology (Ahmedabad, 1962) e Premabhai Hall (Ahmedabad, 1976); complessi residenziali Vidhyadhar Nagar Masterplan e Urban Design (Jaipur, 1984) e Life Insurance Corporation Housing o "Bima Nagar" (Ahmedabad, 1973); e residenza privata Kamala House (Ahmedabad, 1963), tra molti altri.

Nel corso degli anni, Balkrishna Doshi ha sempre creato un'architettura seria, mai appariscente o un seguace delle tendenze. Con un profondo senso di responsabilità e il desiderio di contribuire al suo paese e alla sua gente attraverso un'architettura di alta qualità e autentica, ha creato progetti per pubbliche amministrazioni e servizi pubblici, istituzioni educative e culturali e residenze per clienti privati, tra gli altri. Doshi è acutamente consapevole del contesto in cui si trovano i suoi edifici. Le sue soluzioni tengono conto delle dimensioni sociale, ambientale ed economica, e quindi la sua architettura è totalmente impegnata con la sostenibilità .

La Jury del Premio Pritzker 2018