20 Aprile 2021
16:48

Questi tappeti e le extension per capelli sono fatti con gli scarti delle banane

La fibra di banana è il materiale del futuro grazie al lavoro di TexFad, un’organizzazione no profit che si occupa di sviluppo tessile in Uganda e che ha iniziato ad utilizzare gli scarti della banana come risorsa per creare tappeti ed extension per capelli sostenibili che possono salvare il nostro Pianeta dagli sprechi e sfruttando un materiale naturale.
A cura di Clara Salzano

TexFad è un'organizzazione no profit che si occupa di sviluppo tessile in Uganda. L'azienda si trova a Mukono, appena a est della capitale Kampala e utilizza gli scarti della banana come risorsa per creare tappeti ed extension per capelli sostenibili che possono salvare il nostro Pianeta dagli sprechi e sfruttare un materiale naturale. TexFad produce già 2.400 tappeti all'anno, ha 23 dipendenti, ed esporterà i suoi prodotti tessili per la prima volta negli Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada.

La fibra di banana è il materiale del futuro, è ciò di cui è convinta TexFad, che ha iniziato ad utilizzare gli scarti della banana come risorsa per creare tappeti ed extension per capelli sostenibili che possono salvare il nostro Pianeta dagli sprechi e sfruttando un materiale naturale: "Un giorno recente nello stabilimento TexFad di Mukono, appena a est della capitale Kampala, giovani uomini hanno ammucchiato i tronchi di banani in un mucchio prima di dividerli a metà con i machete e alimentarli in una macchina.", spiega Muturi, CEO di TexFad, "Ne sono usciti fibre lunghe e coriacee che sono state appese ad asciugare prima di essere lavorate e utilizzate per realizzare tappeti ed extension per capelli.". Secondo Muturi, questo materiale organico leggero,  ricavato dagli scarti delle banane, potrebbe sostituire alcune fibre sintetiche ed essere utilizzato per realizzare anche prodotti di carta come banconote e altre applicazioni.

In Uganda si fa un uso diffuso delle banane ma spesso del frutto viene gettato via gran parte del suo materiale, appartenente alla buccia, che potrebbe invece essere trasformato in materiale tessile di recupero, in questo modo si crea lavoro e ricchezza tra i giovani e le donne in Uganda: "Produciamo tessuti fatti a mano e offriamo opportunità per programmi di formazione di competenze non formali basati sul lavoro rivolti a giovani e donne e creiamo opportunità per i coltivatori di banane di aggiungere valore agli pseudo-steli di banana sprecati e aumentare il loro reddito.", continua Muturi, "I principali destinatari saranno i giovani disoccupati che beneficeranno dell'accesso alla formazione professionale basata sul lavoro e all'incubazione di imprese per sostenerli nella creazione di start-up lungo la catena del valore delle fibre di banana. Il fondo andrà a beneficio anche dei coltivatori di banane in Uganda che attualmente soffrono di prezzi bassi e perdite post-raccolta. Avranno l'opportunità di vendere gli aspiranti steli di scarto e aumentare i loro redditi dall'allevamento di banane, il che a sua volta porterà a una maggiore coltivazione di banane e ad una maggiore sicurezza alimentare".

I 10 migliori tappeti per salotto: guida all'acquisto e recensioni
I 10 migliori tappeti per salotto: guida all'acquisto e recensioni
Questa enorme scultura di banane di Ganesh è la più grande mai realizzata
Questa enorme scultura di banane di Ganesh è la più grande mai realizzata
Sembrano dei gioielli, sono in realtà dei nidi di petali fatti da una particolarissima ape
Sembrano dei gioielli, sono in realtà dei nidi di petali fatti da una particolarissima ape
445 di Super Viral
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni