Se c'è una cosa certa che è emersa da questa pandemia globale è che gli spazi come li vivevamo prima non potranno più esisteranno più. Case, bar, ristoranti, locali, uffici, dovranno essere ripensati dopo l'emergenza Covid-19. Così l'architetto, interior designer, project manager e docente presso l'Accademia araba di scienza e tecnologia, Mohamed M. Radwan, ha ideato Qworkntine, un sistema di capsule da ufficio che permettono ai dipendenti di lavorare in totale sicurezza e protezione.

Non serve modificare il numero di dipendenti e di postazioni lavoro con Qworkntine. Il sistema di ufficio in capsule progettato da Mohamed M. Radwan serve a dare a ciascun dipendente un ufficio sicuro e protetto in cui lavorare, mantenendo lo stesso numero di dipendenti per metro quadrato di un sistema di ufficio tradizionale. Qworkntine è caratterizzato da capsule di forma esagonale che possono essere installate come un alveare, in modo da adattarsi a qualsiasi ufficio. Immaginate uno spazio libero, un ufficio open space come oggi ne esistono tanti, ma senza scrivanie né altri arredi, occupato solo da capsule che fungono da postazioni di lavoro singole.

La capsula è costituita da una porta acrilica ermetica senza maniglie, controllata dal riconoscimento facciale. All'interno l'areazione è garantita da ventole di ventilazione con depuratori d'aria integrati. La capsula è realizzata con materiale non poroso igienico che può essere facilmente pulito e disinfettato per evitare contaminazioni. Qworkntine è stato pensato per far stare in sicurezza e protezione coloro che non possono lavorare da casa. Le capsule sono progettate per adattarsi a tutti gli spazi, anche negli angoli a 90° e possono essere configurate in diversi modi per creare anche postazioni di lavoro più spaziose per dirigenti ed amministrazione. Ogni capsula minima ha al suo interno la sua scrivania con sedia, lampada, computer e qualche mobiletto in cui mettere i documenti e le proprie cose.