Tutti, andando a scavare nell'armadio, hanno sicuramente maglioni logori, pantaloni che non indossano più, t-shirt troppo strette o jeans rotti. Per alcuni liberarsene è un gioco da ragazzi, altri ci sono affezionati e faticano a gettarli via. Per questi ultimi esiste una soluzione per poter tenere i vestiti preferiti, quelli a cui si è più legati, che non si riesce a gettar via ma che non si indossano più, sempre con sé come ricordi ma senza occupare prezioso spazio nell'armadio: il riciclo. Dai vecchi vestiti logori in disuso si possono infatti creare utili e comodi mobili per la casa. L'idea è venuta al designer tedesco Tobias Juretzek che, anziché cestinare le sue vecchie magliette o i jeans, ha trovato un modo per riciclarle in modo originale e funzionale: trasformarli in arredi.

La maglia del concerto, l'abito indossato al primo appuntamento, i primi jeans, capita di essere legati ad alcuni vestiti che non indossiamo più ma non riusciamo a buttar via. RememberMe è la serie di tavoli e sedie creati con il riciclo di vestiti. Gli arredi realizzati da Tobias Juretzek utilizzano i vecchi vestiti che non si usano più uniti e irrigiditi con la resina creando comode sedie e tavoli funzionali adatti ad ogni tipo di casa, negozio o locale.

Circa 13 chili di indumenti usati sono contenuti in ogni arredo di Juretzek. Ogni elemento assorbe la resina, prima di essere compresso in uno stampo ad asciugare. I pezzi finali sono lisci e possono sostenere completamente il peso di un adulto. Le sedie e i tavoli di Tobias Juretzek ricordano la struttura di sedie in legno o plastica, con piedi ed angoli, grazie al processo di stampa che viene realizzato. Memoria e funzione convivono negli arredi RememberMe, distribuiti dall'azienda italiana Casamania, peccato solo per il prezzo a partire da 950 euro.

Ciò che spesso si propone di essere dimenticato in armadi e scatole, ora è portato di nuovo alla luce. Abiti logori, ancora conservati per ragioni emotive, qui disegnano una caratteristica marcatura sulle sedie. Come una sorta di messaggio in una bottiglia nel mobile che contiene ricordi e un senso per le storie ravviva in noi. I pezzi creano una cornice concettuale, portano il messaggio di una nuova espressione e si presentano in modo particolare, dando un'altra prospettiva alle cose in generale.