6.273 CONDIVISIONI
17 Novembre 2014
13:54

Roma, i cassonetti dei rifiuti diventano opere di street art

Cassonetti della spazzatura decorati come opere d’arte: così a Roma si combatte il vandalismo e il degrado urbano, grazie all’intervento dell’artista Christine Finley e di ReTake Roma.
A cura di Clara Salzano
6.273 CONDIVISIONI

Passeggiando per le strade di Roma in molti avranno notato qualcosa di diverso nei soliti cassonetti dei rifiuti: non più colori tristi e banali ma decori allegri e fantasiosi arricchiscono questi oggetti urbani che spesso degradano le nostre città. Ecco l'ultima iniziativa di ReTake Roma, un movimento no profit che si è assunto il gravoso impegno di ripulire Roma dalle scritte sui muri, gli adesivi e la sporcizia che deturpano la città eterna. Spesso i graffiti, bisogna ammettere, non riescono ad abbellire le nostre città, seppur la street art trova ormai sempre più elogio e condivisione in varie parti del mondo, talvolta si dimostrano elementi che imbrattano i monumenti storici e gli edifici privati, risultando atti di puro vandalismo e come tali punibili legalmente. Ma "se effettuati con l’autorizzazione del proprietario del relativo spazio", fanno notare i membri di ReTake, "possono divenire vere e proprie forme di arte". Così l'associazione ha ideato nuovi modi creativi di rendere piacevole il decoro urbano e migliorare la qualità della vita della Capitale.

Vari cassonetti di Roma sono stati trasformati in vere e proprie opere d'arte, grazie all'iniziativa dell’artista di fama internazionale Christine Finley chiamata ad operare nella Capitale da ReTake. Usando carta da parati decorata e alcuni particolari dipinti a mano, Finley trasforma quelli che sarebbero banali oggetti urbani in capolavori di street art, noti nel mondo come Wallpapered dumpsters. Dal Policlinico Umberto I alla Cassia fino a Ostia antica, i cassonetti dei rifiuti romani, da contenitori anonimi, sono destinati ad un futuro migliore e con loro anche l'intera città. L'operazione avviene in modo del tutto legale grazie alla collaborazione del movimento no profit con il Comune e con l'Ama, azienda che si occupa della gestione dei servizi ambientali. La street art diventa così un modo e un pretesto per combattere il vandalismo, la sporcizia e il degrado della città e donare nuova dignità a luoghi degradati di Roma.

Quello dei cassonetti decorati è però solo una delle tante iniziative di clean up di ReTake Roma, nell'ambito della loro campagna "No al vandalismo!", la cui parola d’ordine è fare comunità: “Scendi in strada, ripuliamo la città“, “Rimuoviamo i graffiti, i poster abusivi e tutto quanto rovina il posto in cui viviamo“, “Retake Roma è il movimento dei romani e che, divertendosi, vuole ridare Roma a chi la ama”. Tutti possono partecipare alle attività di ReTake Roma nei diversi quartieri della Capitale e contribuire attivamente all'abbellimento dello spazio urbano in cui si vive.

6.273 CONDIVISIONI
Roma come New York: la Street Art conquista la Capitale
Roma come New York: la Street Art conquista la Capitale
Roma come New York: la Street Art conquista la Capitale
Roma come New York: la Street Art conquista la Capitale
3.323 di Design Fanpage
La Street Art diventa 3D con la spazzatura
La Street Art diventa 3D con la spazzatura
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni