Che ci crediate o meno a Babbo Natale, in Finlandia, e precisamente a circa 8 km da Rovaniemi, esiste il villaggio di Santa Claus. Qui tutto l'anno è possibile incontrare un enorme vecchio barbuto vestito di rosso e i suoi aiutanti. Il villaggio è aperto tutti i giorni dell'anno e si trova proprio sopra il Circolo Polare Artico. Secondo la leggenda la casa di residenza di Babbo Natale si colloca presso la montagna di Korvatunturi (“Ear Fell”), in un punto segreto, noto solo a pochi. Così Santa Claus ha creato un suo ufficio a Rovaniemi per essere raggiungibile da chiunque lo desideri. Nel villaggio di Babbo Natale è possibile respirare la magia del natale tutto l'anno.

Il villaggio.

Il villaggio di Babbo Natale in Lapponia è una minuscola città-Stato: c'è un ufficio postale, una propria bandiera, una guardiania e addirittura un ufficio per l'emissione di francobolli e per coniare monete. Il villaggio comprende una serie di abitazioni, alcune su palafitte, in cui vivono i costruttori di giocattoli e altri abitanti. C'è persino una scuola per i figli degli "gnomi" che vivono qui. Non potevano mancare le renne, simbolo anche della Lapponia tanto che la bandiera è rossa con al centro la testa di una renna bianca, che sono custodite in un grande recinto.

La storia.

Il villaggio di Babbo Natale è nato ufficialmente dopo la Seconda Guerra Mondiale, in occasione della visita in Lapponia di Eleanor Roosevelt, anima della UNRRA (l'organizzazione umanitaria precedente all'UNICEF). La seconda guerra mondiale aveva colpito la Finlandia, e soprattutto Rovaniemi, molto duramente. Non era rimasto quasi nulla dell'antica città e, nel 1950, durante il processo di ricostruzione di Rovaniemi (guidato da Alvar AAlto, uno dei più importanti architetti del Novecento), Eleanor Roosevelt, moglie del presidente degli Stati Uniti Roosevelt, decise di organizzare una visita a sorpresa per portare aiuti umanitari al Circolo Polare Artico. Si presentò la necessità di creare un luogo dove accogliere un tale evento ufficiale. Fu creata una capanna del Circolo Polare Artico a Rovaniemi per la cerimonia ufficiale. La visita di Eleanor Roosevelt fece spostare a Rovaniemi anche il villaggio di Santa Claus, prima posizionato in un luogo sconosciuto dell'Ear Fell, per tutti gli amanti del Natale dal mondo. Rovaniemi ha ricevuto lo status di città natale ufficiale di Babbo Natale nel 2010. Il Santa Claus Village, a otto chilometri da Rovaniemi, è considerata la residenza di rappresentanza e commerciale di Babbo Natale.

Come arrivare.

Il Villaggio di Babbo Natale si trova a nord di Rovaniemi, a 8 chilometri di distanza e precisamente a Joulumaantie 1, FI-96930, Napapiiri. Il luogo è ben segnalato dalla presenza di due grandi torri e di un ingresso segnalato sulla strada E75. Il villaggio è aperto tutti i giorni dell'anno e ben collegato con il centro di Rovaniemi. Babbo Natale si trova sempre nel villaggio dove lavora insieme agli "elfi" e nel villaggio si possono trovare tanti negozi e locali convenzionati con Babbo Natale.

Curiosità.

  • In finlandese il villaggio di Babbo Natale si chiama Korvatunturi, che significa "montagna dell'orecchio". Il nome è dovuto alla posizione del villaggio nell'omonima montagna, alta 486 metri, che ha una particolare forma ad orecchio di lepre. È proprio la particolare conformazione della montagna che consente a Babbo Natale di ascoltare le voci di tutti i bambini e i loro desideri, per questo spesso si dice che non serve scrivere lettere a Babbo Natale.
  • Quando si visita il villaggio di Babbo Natale, considerato una sorta di città-Stato, il proprio passaporto viene stampato con uno speciale timbro dell'ufficio di Santa Claus.  Dall'ufficio postale di Babbo Natale, dove arrivano le lettere da tutto il mondo, si può spedire una lettera ai propri cari con un timbro speciale del Circolo Polare Artico non disponibile altrove.
  • L'ufficio postale del villaggio di Babbo Natale è un vero ufficio postale gestito dal servizio postale nazionale della Finlandia. Ci sono due caselle postali nell'ufficio postale del villaggio: una per l'invio immediato di lettere e cartoline e un'altra per l'invio solo a Natale.
  • Hanno visitato il villaggio di Babbo Natale numerosi capi di stato e altre personalità di rilievo, come il presidente degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson, il presidente della Polonia Edward Ochab, il principe ereditario di Svezia Carl Gustav, lo scià di Persia, il primo ministro Aldo Moro, il ministro degli esteri Maurice Schuman, il presidente della Finlandia Urho Kekkonen e molti altri ministri in visita alla capanna del Circolo Polare Artico.
  • La capanna del Circolo Polare Artico oggi è un punto di servizi turistici a Rovaniemi attorno al quale sono nati nel tempo varie attività e punti di interesse per i turisti.
  • Le renne sono un elemento caratteristico del villaggio di Babbo Natale e solo gli elfi e i loro figli possono prendersene cura. Tra quelle che si incontrano nel villaggio ce ne sono nove che hanno un trattamento speciale perché sono quelle che guidano la slitta volante.  Come fa Babbo Natale a riuscire a consegnare tutti i regali in così breve tempo è un segreto che neppure il più anziano degli gnomi conosce.

Il Natale a Rovaniemi.

Sono più di 300.000 i visitatori che ogni anno arrivano al villaggio di Babbo Natale. Si può visitare il villaggio in qualsiasi momento dell'anno, anche d'estate e, pur senza la neve, si riesce a sentire l'atmosfera del Natale. Ma un mese prima che sia Natale, Babbo Natale dichiara aperto il periodo natalizio nel Villaggio e Rovaniemi viene addobbata con artigianali decorazioni. Il 23 dicembre, quando Babbo Natale si prepara a partire per la missione di distribuire regali ai bambini di tutto il mondo, si respira un gran fermento in tutto il villaggio: le renne vengono addobbate a festa, tutti si danno da fare per far vivere a tutti il migliore dei natale ogni anno.