Un'opera d'arte o un orologio? Entrambe. Million Times è la scultura cinetica realizzata nel 1982 da Victor Hunt che funziona sia come orologio che come opera d'arte da parete. Da allora sono state realizzate tante versioni di Million Times, tutte posizionate su una griglia e programmate per muoversi in sincronia, lentamente, fino a formare il tempo analogico. Il risultato finale è incredibile e sorprendente, la scultura cinetica è ipnotica.

Il primo Million Times di Victor Hunt è stato realizzato con 288 orologi, controllati da un iPad, che si muovono sincronicamente grazie a dei motori elettrici per segnare il tempo che passa. I movimenti dei vari pezzi formano i numeri dell'ora corrente. Dal 1982 il design della scultura cinetica di Hunt è cambiato, in dimensioni e forme, ma conservando sempre la sua funzione. "Bloccato nella sua funzionalità per mostrare il tempo, il carattere naturale inerente ad un orologio analogico con le sue due lancette che continuano a muoversi rallentando al centro", scrive Victor Hunt, "svela le qualità figurative nascoste senza negare il suo scopo primario".

Le nuove versioni di Million Times utilizzano un minor numero di orologi, formati circolari e persino basi di marmo che impreziosisco. L'ultima scultura cinetica, realizzata dal duo Bastian Bischoff e Per Emanuelsson, è una versione più semplificata che utilizza orologi analogici per creare un carattere finale.Il movimento dei vari orologi crea una danza coreografica che ipnotizza lo spettatore e arriva a realizzare le cifra dell'orario corrente alla parete. Million Times è stato già installato in tutte le parti del mondo, da un edificio per uffici a Beirut alla lobby di un hotel a Londra, dai museo a case di privati collezionisti. La scultura cinetica realizzata per la prima volta da Victor Hunt ha avuto un tal successo da ispirare anche un'applicazione per iPhone e iPad che ricrea gli stessi movimenti ipnotici della scultura cinetica ma sullo schermo del dispositivo,