C'è chi li cerca e chi ne ha il terrore degli alieni. Di storie su esseri provenienti da altri pianeti se ne sento tante, ne hanno fatti di film e telefim, se ne sono scritti di romanzi e documentari su luoghi dove si racconta di incontri alieni ce ne sono tanti. Nulla di tutti questi elementi però, dai romanzi ai film, sono comprovati né si ha la certezza massima che gli alieni esistano. Ma la sicurezza che ci sono alcuni luoghi sulla Terra in cui sembra di trovarsi su un altro pianeta quella è un dato di fatto.

È soprattutto il Regno Unito che ci fornisce località che sembrano uscite direttamente dal set cinematografico di un film alieno. Ce ne sono davvero tanti e tutti assolutamente incredibili. Ad Antrim c'è una particolare formazione rocciosa chiamata il Selciato del gigante costituita da circa 40.000 colonne basaltiche derivate da eruzioni vulcaniche che hanno dato alle rocce delle forme così particolari che sembrano essere state scolpite da una mano esterna, anche perché la loro formazione continua nel fondale marino. Ci sono infatti tante storie sul motivo della forma esagonale di queste colonne di roccia che raggiungono anche i 28 metri di altezza: una leggenda racconta che un gigante, Finn McCool, avesse lastricato il mare che collega Antrim alla scozia per raggiungere un altro gigante, sconfitto dal quale la strada fu distrutta; un'altra versione della leggenda racconta che il Selciato fosse stato creato dalla moglie di Finn per nasconderlo in quanto si era addormentato prima dell'arrivo dell'altro gigante che, una volta arrivato si fosse spaventato (avendo la moglie detto che il selciato fosse il figlio e se il figlio era così enorme figuriamoci il padre) e avesse distrutto la strada.

Le Grotte di Gough a Somerset, in Gran Bretagna, accolgono il sistema fluviale sotterraneo più esteso del paese. Qui sono stati trovati diversi scheletri umani ed animali, compreso lo scheletro intero più vecchio del Regno Unito che risale al 1750 a.C, i quali dalle analisi sembrano accertare l'uso del cannibalismo tra gli esseri che abitavano la grotta. Si è accertato infatti che molti teschi ritrovati a Gough siano stati svuotati per essere utilizzati come coppe per bere o ciotole per mangiare. A Cornwall c'è la spiaggia di Porth Nanven che è famosa per il gran numero di massi dalla particolare forma ovoidale presenti su tutto il litorale. Non si conosce il motivo per il quale i sassi hanno una tale forma ma se ne trovano di tutte le dimensioni, dall'uovo di gallina a quello che misura oltre un metro di lunghezza, per questo la zona "Spiaggia a uovo di dinosauro". E come questi luoghi bizzarri, ce ne sono tanti altri, resta solo scoprirli.