Krumbach è un piccolo villaggi austriaco di 1000 abitanti. Sicuramente non è il luogo dove ci si aspetta di trovare strutture progettate da grandi nomi dell'architettura. Ma grazie a Kultur Verein Krumbach, una nuova associazione dedicata alla promozione della cultura del villaggio, questo è esattamente ciò che sta accadendo: sette studi di architettura internazionali hanno accettato di realizzare alcune fermate degli autobus per la comunità di Krumbach.

Amateur Architecture Studio’s BUS:STOP design. Image © BUS:STOP Krumbach
in foto: Amateur Architecture Studio’s BUS:STOP design. Image © BUS:STOP Krumbach

Con un piccolo budget per il progetto dei bus stop, tutto ciò che la Kultur Krumbach aveva da offrire ai progettisti è stata una vacanza gratuita nella regione e la libertà di creare una tipologia di fermata dal design essenziale: un piccolo padiglione come riparo.

Ensamble Studio’s BUS:STOP design. Image Courtesy of Ensamble Studio / BUS:STOP
in foto: Ensamble Studio’s BUS:STOP design. Image Courtesy of Ensamble Studio / BUS:STOP

Questo si è rivelato tanto allettante che entro quattro settimane il progetto aveva attirato Sou Fujimoto, Amateur Architecture Studio ( lo studio di Wang Shu), Alexander Brodsky, RintalaEggertsson Architects, Architecten de Vylder Vinck Taillieu, Ensamble Studio e Smiljan Radic.

Questi studi sono stati scelti per il fatto che, pur essendo ben noti nel mondo dell'architettura, sono ancora "piccoli uffici dall'interesse scultoreo". Lavorando in collaborazione con gli architetti locali, i famosi progettisti hanno realizzato ripari con materiali locali e operando un continuo confronto tra i differenti vocabolari e le scuole di pensiero, tra est e ovest, nord e sud: operazione progettuale estremamente interessante.

Chilean architect Smiljan Radic standing in his completed bus shelter. Image © Adolf Bereuter / BUS:STOP Krumbach
in foto: Chilean architect Smiljan Radic standing in his completed bus shelter. Image © Adolf Bereuter / BUS:STOP Krumbach