Un tempo le auto volanti erano un qualcosa che si vedeva solo nei film di fantascienza oggi sono quasi una realtà a Dubai, dove nel 2017 sono stati testati i primi taxi volanti, e presto a Shanghai dove lo studio Richard's Architecture + Design (RA + D), diretto dall'architetto Richard Moreta Castillo, ha già progettato una un'infrastruttura di a drone pioneristica simile ad una torre. La torre Smart Power Long è un edificio condominiale dotato di piattaforme di atterraggio per macchine volanti. La torre gira nel cielo della città per ripulirne l'aria grazie ad una sua foresta verticale di 50.000 alberi e arbusti anti-inquinamento.

La torre volante di Shanghai potrebbe essere realizzata prima del previsto, tra il 2018 e il 2020. RA + D ha anche fatto richiesta ai funzionari del Nevada del permesso dall'Amministrazione dell'Aviazione Federale per il volo di droni passeggeri, a dimostrazione della reale volontà di realizzare il progetto Smart Power Long. La torre condominiale a drone prende l' ispirazione nel design dall'arte del drago cinese: ogni piano fornisce una stazione di atterraggio per le auto dei droni. Nel frattempo la presenza di verse sull'edificio consente di pulire l'aria in modo naturale, grazie alle piante che assorbono anidride carbonica. Sulla cima della torre ci sarà l'apertura per rilasciare aria pulita nell'aria.

La torre Smart Power sarà il "primo orologio fumoso e cromatico per il riferimento della Comunità di Shanghai.", ha spiegato RA + D. L'immagine di notte dell'edificio è simile ad un fuoco visibile da varie parti della città. La torre si sposa come un enorme drone ripulendo il cielo: le piante assorbono anidride carbonica ed emettono ossigeno pulito. La torre produce energia grazie ad un sistema di pannelli solari e fonti rinnovabili pulite. Entro il 2019 il primo prototipo di Smart Power Long potrebbe apparire nei cieli di Shanghai.

Sono passati anni dal 1987, quando la Commissione mondiale per l'ambiente e lo sviluppo, guidata dal primo ministro norvegese Gro Harlem Brundtland, ha pubblicato Our Future: per la prima volta si parlava del fatto che i politici e la società devono fare i conti con i bisogni di sviluppo sociale ed economico dell'umanità in un mondo le cui risorse sono finite.
La risposta a questo apparente enigma è lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo richiede risorse, ma ogni ulteriore sviluppo deve essere basato su risorse rinnovabili. Poiché non può esserci sviluppo senza architettura, ciò significa che l'architettura deve identificare le risorse rinnovabili e sviluppare metodi adeguati per essere sostenibile dal punto di vista ambientale.

Richard Moreta Castillo