3 Settembre 2020
05:55

Skyscraper day: tutte le curiosità sui grattacieli italiani

Il 3 settembre si celebra la Giornata dei grattacieli, istituita in memoria dell’architetto Louis H. Sullivan, considerato il “padre dei grattacieli” e nato proprio in questo giorno nel 1856. Svettante verso il cielo, questo tipo di struttura verticale è diffusa particolarmente nelle città americane e asiatiche ma anche in Italia ne esistono vari esempi su cui svelare diverse curiosità.
A cura di Clara Salzano

Quando si parla di grattacieli, la nostra immaginazione corre immediatamente agli skyline delle città americane come New York o di quelle asiatiche come Singapore.  Anche l'Italia, soprattutto negli ultimi anni, si sta arricchendo di nuovi grattacieli, spesso sconosciuti, di cui parlare in occasione dello Skyscraper day. Il 3 settembre si celebra infatti la Giornata dei grattacieli, istituita in memoria dell’architetto Louis H. Sullivan nato in questo giorno nel 1856 e considerato il “padre dei grattacieli”, essendo stato il primo progettista di questi moderni edifici alti dando nuovo impulso alla sua città natale, Chicago. Questa particolare giornata è stata introdotta anche per festeggiare una tipologia costruttiva che dalla fine dell'Ottocento, partendo da Chicago, ha rivoluzionato il mondo dell'architettura. In omaggio a questa giornata celebrativa, in base ad alcuni suggerimenti di Casa.it, sveliamo alcune curiosità che forse non tutti conoscono sui grattacieli italiani:

1. La parola “grattacielo” è italiana. Secondo l’urbanista olandese Gerard Peet pare che la parola grattacielo fosse usata già nel ‘200 nella lingua italiana e che solo dopo fu assorbita dall’inglese che l'ha tradotta col termine il termine skyscraper e che inizialmente stava ad indicare una vela triangolare, alla fine del ‘700, poi un cappello alto all'inizio dell'‘800 e in seguito un uomo molto alto, alla metà dell'‘800. Infine la parola skyscraper è andata ad acquisire il significato di edificio molto alto.

2. Il primo grattacielo italiano. Mentre a Chicago il primo grattacielo è stato realizzato nel 1885, in Italia il primo grattacielo è stato costruito a Brescia, nel 1932, su progetto dell'architetto Marcello Piacentini. Si tratta del Torrione INA che con i suoi 57,25 m svetta ancora oggi sullo skyline del capoluogo lombardo. Niente Milano no ma il primato è della piccola città lombarda.

3. Il grattacielo italiano più alto. Probabilmente molti, soprattutto chi vive a Milano, sa che l'edificio più alto d'Italia è la torre Isozaki, conosciuta anche come Torre Allianz o Il Dritto. In realtà quella realizzata dall'architetto giapponese situata in City Life è il grattacielo più elevato (per numero di piani)del nostro paese con 50 piani, seguita dalla vicina Torre Hadid che ha 44 piani e dal Palazzo Lombardia con 43 piani. Invece l'edificio più alto in Italia è la Torre Unicredit di piazza Gae Aulenti a Milano che con la sua guglia raggiunge i 231 metri. L'edificio più alto del mondo si trova invece a Dubai ed è alto 829 metri di altezza.

4. Il grattacielo italiano più sostenibile. Costruire edifici dalle grandi dimensioni può comportare sicuramente un grande dispendio di energie, risorse e consumi che inquinano il pianeta senza contare i costi di smaltimento dell'edificio una volta conclusa la sua vita. Tuttavia nel panorama architettonico ci sono delle eccezioni e in Italia ne abbiamo un valido esempio con il Bosco Verticale a Milano, che ogni anno assorbe circa 30 tonnellate di anidride carbonica contribuendo a salvaguardare il Pianeta. Con 800 alberi, 4.500 arbusti e 15.000 piante il complesso delle due torri verdi dà la sensazione nei suoi appartamenti di vivere in una foresta di 3 ettari.

5. I grattacieli italiani sopra i 100 metri. In Italia esistono vari grattacieli distribuiti su tutto il territorio ma solo alcuni superano i 100 metri di altezza e si trovano in poche regioni quali Lombardia, Liguria, Piemonte, Campania, Puglia, Lazio ed Emilia-Romagna, secondo quanto riportato da un comunicato di Casa.it. In Toscana si trova il grattacielo di Piazza Matteotti di Livorno con i suoi 96 metri di altezza e la Sardegna, con il Grattacielo Nuovo di Sassari che arriva ad 80 metri.

Il grattacielo vivente fatto di alberi geneticamente modificati
Il grattacielo vivente fatto di alberi geneticamente modificati
Unique, il grattacielo di vetro curvo di Quito
Unique, il grattacielo di vetro curvo di Quito
Il grattacielo più alto del Giappone è un omaggio alla torcia olimpica
Il grattacielo più alto del Giappone è un omaggio alla torcia olimpica
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni