Le Olimpiadi sono in pieno svolgimento e i nuovi stadi di Sochi 2014 hanno già attirato una notevole attenzione, ma il vero biglietto da visita dei Giochi Invernali è l'ingresso al Parco Olimpico: l'incredibile installazione dell'architetto londinese Asif Khan che interagisce con ogni visitatore.

Courtesy of Asif Kahn Studio
in foto: Courtesy of Asif Kahn Studio

"MegaFaces" è un padiglione che "si contorce per ricreare immagini 3D dei volti dei visitatori indirizzati tramite scansioni facciali digitali realizzati in cabine fotografiche installate all'interno dell'edificio". Progettato per funzionare come un enorme schermo pin, l'installazione si compone di oltre 10.000 attuatori che trasformano la pelle dell'edificio in un ritratto tridimensionale del volto di ogni visitatore. Il nome "MegaFaces" del progetto fa riferimento alla possibilità data a tutti di essere il volto delle Olimpiadi.

Courtesy of Asif Kahn Studio
in foto: Courtesy of Asif Kahn Studio

L'installazione consente a tre volti per volta, alti otto metri, di emergere dalla facciata del padiglione costituita da uno schermo a LED con un ingrandimento in scala di 3.500 volte l'originale. La struttura comprende una sala espositiva, aree di ospitalità, una piattaforma di osservazione sul tetto, un anfiteatro e 2 suite di radiodiffusione. L'opera è stata commissionata al giovane e brillante progettista dal colosso delle telecomunicazioni russe, MegaFon, e prende spunto dall'importanza duratura del viso e dell'iconografia facciale nella comunicazione digitale.

Per migliaia di anni le persone hanno utilizzato la ritrattistica per registrare la loro storia sul paesaggio, gli edifici e attraverso l'arte pubblica", spiega Asif Khan. "La possibilità per ogni persona di essere riflessa sul mondo attraverso la costruzione conferisce a questo progetto una sensibilità democratica e molto umana, con la possibilità per qualsiasi passante e visitatori di comparire nei negozi MegaFon di tutta la Russia, per raggiungere un riconoscimento durante la finale olimpica: diventare così un eroe". Questo padiglione, dunque, oltre a realizzare una sinergia tra architettura e piattaforma digitale, è "un monumento per tutti noi".

Courtesy of Asif Kahn Studio
in foto: Courtesy of Asif Kahn Studio