Mentre nel mondo assistiamo sempre più spesso a città che a causa di deforestazioni massicce o per il fenomeno noto come subsidenza sprofondano nel suolo, a Copenaghen lo studio di architettura SLA ha ideato un modo per fare dell'acqua una risorsa indispensabile alla vita del quartiere di Nørrebro. Il progetto di SLA si chiama "The Soul of Nørrebro" e utilizza la natura per risolvere alcune delle sfide urbane più difficili di questo secolo, aumentando la qualità della vita delle persone. Si tratta di un progetto di urban design e adattamento climatico integrato per Hans Tavsens Park e Korsgade a Nørrebro e verrà realizzato per il 2022.

La mancanza o l'eccesso d'acqua sarà una delle principali sfide urbane del 21° secolo. In un mondo dove gli effetti dei cambiamenti climatici globali diventano sempre più critici e preoccupanti, con aumento delle temperature e della pioggia, che è la conseguenza diretta della destabilizzazione delle condizioni. SLA ha sviluppato e praticato negli ultimi 20 anni un nuovo
modello di progettazione per lo sviluppo della città, basato sulla co-creazione, sul dialogo e la progettazione fondata sull'uso sapiente della natura. "L'acqua piovana viene raccolta e utilizzata localmente, mentre l'acqua in eccesso proveniente dalle nevi viene portata dal parco al lago Peblinge, purificata dai biotopi naturali della città lungo Korsgade.", spiegano gli architetti di SLA, "I circuiti idrologico, biologico e sociale lavoreranno insieme in una forte simbiosi che non solo renderà Nørrebro a prova di clima, ma avrà anche un effetto positivo sull'intera città di Copenhagen".

La città di Copenaghen sta affrontando, come quasi ogni altra grande città, cambiamenti climatici critici e una popolazione in crescita. Si passa da forti esplosioni di pioggia a isole urbane di calore oltre che una maggiore impronta di carbonio, inquinamento delle acque, solo per citare alcuni problemi della città. "Oggi le metropoli del mondo stanno combattendo alluvioni devastanti e piogge dannose – una condizione che è paradossalmente combinata con una mancanza catastrofica di acqua potabile pulita e non tossica. La situazione è ulteriormente aggravata dall'urbanizzazione globale – mega tendenza attraverso cui, secondo l'ONU, oltre il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città entro il 2050. Di fatto ci stiamo avvicinando a un nuovo tipo di essere umano che è nato, cresciuto, vive e muore in città: un Homo Urbanus che sta vedendo le sue condizioni di vita e qualità della vita bruscamente peggiorare.", spiegano i progettisti di SLA. "The Soul of Nørrebro" affronta tutte queste sfide usando l'acqua come risorsa e non criticità. Il progetto è stato studiato apositamente per il quartiere di Nørrebro, a Copenhagen, ma si può modificare in base alle condizioni naturali di vari luoghi ed essere facilmente applicabile in altre città del mondo.