L'esperienza di visita delle Piramidi d'Egitto sta per subire una vera e propria rivoluzione. Dopo le disposizioni che hanno vietato di salire sugli antichi monumenti per questioni di sicurezza, lo Studio Malka Architecture ha proposto un nuovo modo per vedere la Piramide di Cheope, nota anche come piramide di Khufu. Si tratta del nuovo Osservatorio Cheope situato sull'altopiano della Necropoli di Giza. Il progetto è posto nell'antico villaggio di Nazlet El Samman dove si arriva ancora a cavallo o in cammello. Osservatorio di Cheope offre una vista unica sulla Grande Piramide di Giza.

L'Osservatorio di Cheope sorge nell'antico villaggio di Nazlet El Samman, fondato nel VII secolo da tribù del deserto per stare vicino alle Piramidi. Il villaggio oggi è infatti un sito e la costruzione dell'Osservatorio si inserisce nel piano di recupero del ruolo di Nazlet El Samman contro il massiccio afflusso turistico e le speculazioni immobiliari. Così il progetto di Studio Malka Architecture si inserisce nel sito nel pieno rispetto, salvaguardia, conservazione e estensione del patrimonio storico. L'Osservatorio di Cheope è stato realizzato con tecniche di costruzione locali, sono stati usati materiali riciclati, mattoni di terra cruda, finestre tradizionali e altri elementi provenienti dall'artigianato degli abitanti del villaggio.

Il progetto è una risposta alla dilagante edilizia abusiva del Cairo. "Secondo stime recenti, oltre il 60% della costruzione globale viene eseguita al giorno d'oggi senza permessi di costruzione, generando un'architettura senza architetti. Al Cairo, l'architettura informale infrange tutti i record e si estende sul 70% del territorio.", spiegano gli architetti di Studio Malka Architecture, "Si è diffuso principalmente sui terreni agricoli subito dopo la rivoluzione egiziana del 2011". L'Osservatorio di Cheope è stato costruito in linea con la Grande Piramide di Giza che è anche la più antica, più grande e unica delle 7 meraviglie del mondo antico ancora oggi esistente. L'edificio ha un orientamento est-ovest, in modo da sfruttare al meglio le traiettorie del sole e della luna per mostrare ai visitatori anche il rapporto tra la Piramide e la stella polare e la precessione degli equinozi.

L'Osservatorio è una struttura aperta verso la Piramide di Cheope. Il progetto comprende una Time Room, un giardino, una piscina da cui sono consentite impressionanti vedute prospettiche della piramide. La Time Room è uno spazio di osservazione meditativa di fronte alla Grande Piramide di Cheope. Qui il tetto è in tessuto e può piegarsi e aprirsi in base alle stagioni. "L'Osservatorio di Cheope  è anche la residenza di un artista, una porta all'ingresso del deserto, un belvedere abitato a pochi passi dalla più grande delle piramidi dell'altopiano di Giza.", spiga Studio Malka Architecture, "è sia aperto che chiuso, nomade e sedentario, costruzione erettile e materiale. Tornando alle basi dell'architettura, l'Osservatorio crea un dialogo tra l'architettura vernacolare locale e un ready-made architettonico, una risposta alla necessaria mutazione dell'architettura informale, una delle questioni fondamentali dell'ecologia del 21° secolo".