180 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Maggio 2020
16:39

Studio Precht progetta un parco a forma di impronta per mantenere la distanza di sicurezza

Durante la prima fase della pandemia molti parchi e giardini sono stati chiusi al pubblico, così lo studio austriaco Precht ha progettato un parco pubblico in grado di rispettare il distanziamento sociale e, ora che tutti i paesi lentamente stanno riaprendo le attività, di far mantenere la distanza di sicurezza grazie al suo innovativo design.
A cura di Clara Salzano
180 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Sembra un grande labirinto ma Parc de la Distance è un parco che ha la forma di un'impronta umana ed è stato progettato in fase di lockdown da Studio Precht per offrire un luogo all'aria aperta che rispettasse il distanziamento sociale e garantisse la distanza di sicurezza in questa fase di ripresa. Durante la prima fase della pandemia molti parchi e giardini erano stati chiusi al pubblico e ora che tutti i paesi lentamente stanno riaprendo le attività, Parc de la Distance è un magnifico parco in cui gli assembramenti sono impossibili grazie al suo innovativo design.

Niente assembramenti e rispetto della distanza di sicurezza sono i principi alla base Parc de la Distance che permette a tutti di immergersi nella natura senza rischi. Il parco è infatti caratterizzato da alte siepi che consentono alle persone di stare all'aria aperta mantenendo le distanze di sicurezza dagli altri. Chris Precht, fondatore dello studio  Precht, si è chiesto: "Come sarebbe un parco e come funzionerebbe se prendesse le regole del distanziamento sociale come linea guida di progettazione. E cosa possiamo imparare da uno spazio come questo che ha ancora valore dopo la pandemia?". Da qui è nata l'idea del Parc de la Distance. Le siepi alte delineano numerosi percorsi di 90 centimetri di larghezza che possono essere percorsi solo da una persona alla volta e a distanza dagli altri visitatori.

Parc de la Distance ha la forma di un'impronta digitale crea molti percorsi che possono essere utilizzati contemporaneamente. Ogni percorso del parco è lungo 600 metri e portano dall'esterno verso il centro, dove sono posizionate le fontane per poi ritornare verso l'esterno. Il parco si ispira sia ai giardini barocchi francesi che ai giardini zen giapponesi. Parc de la Distance  è pensato per un'area vuota di Vienna. "Per ora, il parco è progettato per creare una distanza fisica sicura tra i suoi visitatori", spiega Precht, "Dopo la pandemia, il parco può essere usato per sfuggire al rumore e al trambusto della città ed essere soli per un po' di tempo. Ho vissuto in molte città, ma penso di non essere mai stato solo in pubblico. Penso che sia una qualità rara.".

180 CONDIVISIONI
31089 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni