Coral Bloom è il nuovo resort di lusso che sorgerà sull'isola di Shurayrah nel Mar Rosso. Progettato dallo noto studio di architettura Foster + Partners, il resort sulla sua isola a forma di delfino è parte dello sviluppo voluto dal principe Mohammed bin Salman, presidente di The Red Sea Development Company (TRSDC), per uno dei progetti di turismo rigenerativo più ambiziosi del mondo.

Coral Bloom è progettata per fondersi con l'ambiente naturale dell'isola. Gerard Evenden, Head of Studio presso Foster + Partners, ha dichiarato: “La nostra visione per Shurayrah è ispirato allo stato naturale dell'isola, con gli hotel progettati per dare l'impressione che si sono lavati sulle spiagge e si sono annidati tra le dune quasi come legni. I materiali che utilizziamo sono a basso impatto e garantiscono l'ambiente incontaminato è protetto, mentre le aggiunte che facciamo all'isola servono a valorizzare ciò che già è lì – da cui il nome, Coral Bloom. Le considerazioni sulla biodiversità sono al centro dell'attenzione, con il piano progettato per evitare interruzioni delle mangrovie e di altri habitat dell'isola, una difesa naturale dall'erosione anche se nuova gli habitat vengono creati attraverso l'abbellimento del paesaggio per migliorare lo stato naturale dell'isola".

Il progetto prevede la creazione di 11 hotel sull'isola a forma di delfino che sono immersi nel paesaggio naturale caratterizzato da ampie dune di sabbia. Il nuovo design esalta la bellezza naturale dell'isola con strutture che sembrano grandi funghi o alberi dalla chioma piatta attraverso cui la luce del sole viene filtrata per creare un effetto luminoso spettacolare. Coral Bloom realizzerà anche nuove spiagge sull'isola e una nuova laguna. "Questi miglioramenti contribuiranno ad innalzare il livello del terreno, fornendo uno strato difensivo dalla minaccia globale dell'innalzamento del livello del mare.", spiegano gli architetti, "È importante sottolineare che le modifiche mirano a preservare o valorizzare ciò che già esiste sull'isola, senza danneggiare alcun habitat o sponde naturali. Le costruzioni previste saranno svolte nel modo più efficiente dal punto di vista energetico e col minor impatto sull'ambiente. L'intera destinazione sarà alimentata da fonti rinnovabili, sostenute dal più grande sistema di accumulo di batterie al mondo.