© LANDPROCESS
in foto: © LANDPROCESS

Mentre le risorse a disposizione della Terra continuano ad esaurirsi mentre il mondo è sempre più affollato, gli architetti paesaggisti di LANDPROCESS hanno ideato un modo per produrre tonnellate di cibo sfruttando il tetto degli edifici. Si chiama Thammasat Urban Rooftop Farm (TURF) ed è la più grande fattoria biologica sul tetto dell'Asia realizzata sul tetto dell'Università Thammasat di Bangkok. Il progetto coniuga la moderna architettura del paesaggio con l'ingegnosità agricola dei tradizionali terrazzamenti di riso, creando un'economia circolare inclusiva per il campus.

© LANDPROCESS
in foto: © LANDPROCESS

La Thammasat Urban Rooftop Farm produce più di 20 tonnellate di cibo all'anno senza consumare terreno ma usando superfici già esistenti come i tetti degli edifici. Il progetto degli architetti paesaggisti di LANDPROCESS utilizzano una produzione alimentare sostenibile, energia rinnovabile, rifiuti organici, gestione dell'acqua e spazio pubblico per tutti: "In piena crisi climatica, la scarsità di cibo e acqua rappresenta una minaccia enorme per la civiltà umana. Un tempo abbondanti società agrarie ricche di fonti alimentari, Bangkok e le città del sud-est asiatico sono diventate vittime di un'urbanizzazione non regolamentata nelle regioni produttrici di riso, allontanando le fonti di cibo dalle città e dai loro consumatori.", spiegano gli architetti paesaggisti di LANDPROCESS, "Entro il 2050, l'80% della popolazione mondiale vivrà nelle città. Per garantire la sicurezza alimentare globale e dare la priorità alla salute umana e ambientale, le città devono utilizzare gli spazi urbani sprecati per produrre cibo in modo efficiente e sostenibile".

Il progetto di LandProcess si ispira all'ingegnosità delle pratiche agricole tradizionali sui terreni montuosi del sud-est asiatico: per la  Thammasat Urban Rooftop Farm sono state integrate le tecniche delle terrazze di riso con la moderna tecnologia del tetto verde. Il tetto creato misura oltre 20.000 metri quadrati ed è in grado di rallentare il deflusso dell'acqua fino a 20 volte di più rispetto ai tetti di cemento e di raccogliere il deflusso formando gruppi unici di micro-bacini idrografici utili per coltivare il cibo per il campus. In questo modo il TURF gestisce autonomamente il bisogno d'acqua e grazie ad una pompa ad energia solare l'acqua immagazzinata viene spinta ovunque sul tetto per irrigare. Ogni livello del terreno viene inoltre progettato per creare spazi pubblici multifunzionali che fungono da aule all'aperto, intimi spazi sociali e accesso ai raccolti. Chi si spinge fino in cima può godere di una vista panoramica a 360 gradi di Bangkok nel mezzo di una fattoria urbana a cielo aperto.