"The Cube è un’architettura nomade, apolide e cosmopolita, un padiglione contemporaneo destinato, per un lasso di tempo ben definito, ad ospitare un ristorante di piccole dimensioni" spiegano gli architetti dello studio Park Associati. Il tour europeo del ristorante pop up arriva a Stoccolma.

Progettato per inserirsi nei più suggestivi luoghi storici delle città europee, il padiglione è stato inaugurato a Bruxelles da aprile a luglio 2011 sull’arco del Parc du Cinquantenaire; nel dicembre 2011 il ristorante si è spostato a Milano ospitato sul tetto di un edificio a pochi metri dalle guglie del Duomo, fino alla fine di aprile 2012; il tour è continuato a Londra, sul tetto dell’edificio della Royal Festival House dal 1 giugno al 30 settembre e ora a Stoccolma, ospitato sulla sommità della Royal Opera House,dal 18 giugno al 21 novembre.

The Cube è concepito come un modulo leggero e versatile, caratteristiche sottolineate dal colore bianco e dall’utilizzo di un rivestimento in alluminio tagliato al laser che ricopre l’intera superficie esterna. La base dell’edificio si colloca sempre in posizione leggermente sopraelevata rispetto alla pavimentazione su cui poggia, amplificando il senso di leggerezza formale che caratterizza tutta la struttura.

La struttura si ispira evidentemente all'iconico "Pianeta come Festival" di Ettore Sottsass: “Anche sulla palla del pianeta, il tempo oramai è compresso come un foglio di laminato plastico". L'idea di Park Associati per Electrolux è quella di costruire una piccola architettura, una cabina, "forse un nido, in alto, in cima a una scogliera, su un monumento, su un edificio pubblico, non importa dove, ma in un posto bellissimo e con una vista bellissima e originale". L'idea è quindi di creare un ristorante che dia il benevenuto ai propri clienti in un posto incantevole e unico. Il padiglione resta aperto per sei mesi per poi cambiare posizione, cambiare città, nazione, per nuove sorprese, nuovi menu, nuovi clienti.