15 Luglio 2021
10:01

Una barriera di bolle risucchia la plastica dai canali di Amsterdam

The Great Bubble Barrier è la prima barriera del genere al mondo impegnata nella lotta contro l’inquinamento da plastica degli oceani. Fatta di particolari bolle, l’innovativa barriera è stata installata in uno degli sbocchi dei canali di Amsterdam per impedire alla plastica di defluire nel Mare del Nord.
A cura di Clara Salzano

La Plastic Soup Foundation ha stretto una partnership con la start-up olandese The Great Bubble
Barrier per aiutare a prevenire l'inquinamento degli oceani. The Great Bubble Barrier è la prima barriera del genere al mondo che crea uno schermo a bolle in grado di rimuovere la plastica dai canali di Amsterdam per impedirne il flusso nel Mare del Nord. Il progetto è usato anche per alcune analisi che mirano a comprendere quali oggetti vengono catturati dalla Bubble Barrier; quanto la plastica viene catturata; quali marchi sono comuni e se i rifiuti possono essere ricondotti alla loro origine: tutte informazioni importanti per prevenire efficacemente l'ingresso di rifiuti di plastica nei canali in futuro e rendere l'acqua di Amsterdam più pulita.

Il problema della plastica negli oceani è una delle piaghe del nostro secolo. Ad Amsterdam, nonostante il lavoro delle barche dell'immondizia di Rete idrica, si riscontravano grandi quantità di plastica galleggiante e rifiuti più piccoli nell'acqua del canale. L'innovativa Bubble Barrier è uno schermo a bolle che impedisce alla plastica di fluire dai canali verso il Mar del Nord. Il progetto ha un periodo di prova di tre anni ed è finalizzato alla raccolta di informazioni sul funzionamento dello schermo a bolle e per aiutare a determinare se la Bubble Barrier può essere collocata anche in altre sedi: “La plastica nella nostra acqua è un problema crescente, anche per il lavoro dell'Autorità Idrica Regionale Amstel, Gooi e Vecht. Ha effetti drastici sulla qualità della nostra acqua e quindi su tutto ciò che vive dentro o vicino all'acqua.", dichiara Sander Mager, direttore dell'Autorità idrica regionale Amstel, Gooi e Vecht, "Pertanto, è importante che l'Autorità Idrica Regionale collabori con altre parti a stringere il pugno contro questo urgente problema".

Come funziona Bubble Barrier

L'innovativa Bubble Barrier  è uno schermo di bolle d'aria creato pompando aria attraverso un tubo perforato che giace sul fondo di un canale o di un fiume. Lo schermo a bolle crea un flusso verso l'alto che dirige i rifiuti verso la superficie. Posizionando lo schermo a bolle diagonalmente nel Westerdok, si sfrutta il flusso naturale del canale. In questo modo, i rifiuti di plastica saranno diretti a lato e nel sistema di raccolta della banchina. Qui saranno trattenuti e rimossi dall'acqua. La rimozione avviene almeno due volte a settimana tramite Waternet. Lo schermo a bolle Bubble Barrier funziona 24 ore su 24 giorno, 7 giorni alla settimana, non ostacola il traffico sui canali, è adatto ai pesci e può essere utilizzato su tutta la larghezza di un canale o un fiume.

Sui canali di Amsterdam arrivano le prime barche a guida autonoma
Sui canali di Amsterdam arrivano le prime barche a guida autonoma
Il drone subacqueo che protegge e ripristina le barriere coralline
Il drone subacqueo che protegge e ripristina le barriere coralline
10 consigli per una vita plastic free
10 consigli per una vita plastic free
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni