"Clara è un'artista e non ama le cose eccessivamente progettate. Voleva qualcosa" come la casa di Ron Weasley "; qualcosa che potesse adattarsi ai bisogni che appaiono nel tempo", è questa la descrizione che fornisce l'architetto Pia Mendaro Lamberri della casa realizzata per l'amica, l'artista Clara Cebrian. La particolare abitazione è stata ricavata in un vecchio magazzino che è stato trasformato nella casa dei sogni di Clara Cebrian: un cubo perfetto di 10 metri per lato dove tutti gli arredi sono progettati su misura e c'è persino un letto sospeso al soffitto.

Chiamata ‘Topo's Shed', la casa di Clara Cebrian è un cubo 10 metri per 10 metri. Il progetto di Pia Mendaro Lamberri per la sua amica riesce a fornire un rinnovamento di un vecchio magazzino rispettando la pre-esistenza. Il cuore del progetto è rappresentato dal luogo in cui Clara Cebrian dorme che è caratterizzato da una piattaforma semi-sospesa molto leggera, che comprende anche una sorta di impalcatura che facilita la pulizia delle finestre.

La casa è costituita da un unico grande ambiente dove si possono individuare le differenti funzioni di salotto, cucina e camera da letto, in base agli arredi. Il tetto a due falde del vecchio magazzino permette di sfruttare l'altezza della struttura per creare varie piattaforma con diverse funzioni. Nella casa è stata inserita una cucina che Clara Cebrian aveva già acquistato. ed è stata collocata su un "muro nascosto". "Eravamo sicuri di tre cose: ", spiega Pia Mendaro Lamberri, "che lo spazio doveva essere inteso come quello che è – un quadrato -, che dovevamo usare una cucina che Clara aveva acquistato per la vendita e che gli incanalamenti erano dove erano ed erano immobili". Il risultato è straordinario.

Abbiamo deciso di creare un "muro nascosto"; una facciata dove potremmo posizionare la cucina (tutti vogliono sempre essere in cucina). La cucina diventerebbe l'utile protagonista dello spazio e dietro di essa si nasconderebbe il bagno e le strutture. Il muro passa sotto la cintura delle capriate, permettendo al magazzino di essere compreso così com'è, e impedisce alle porte di aprirsi direttamente sullo spazio (specialmente il bagno).