1 Dicembre 2021
17:51

Triennale Milano omaggia il fotografo Giovanni Gastel: due mostre con più di 200 ritratti e immagini

Triennale Milano ha inaugurato due mostre su Giovanni Gastel, morto lo scorso marzo 2021. Sono in esposizione alcuni dei ritratti più iconici fatti dal famoso fotografo, da Barack Obama a Tiziano Ferro, Bebe Vio e Maradona.
A cura di Clara Salzano
Bebe Vio fotografata da Giovanni Gastel in mostra a Triennale Milano
Bebe Vio fotografata da Giovanni Gastel in mostra a Triennale Milano

Quando il 13 marzo 2021 è venuto a mancare Giovanni Gastel, per un attimo il battito del mondo della moda, e in generale dell'arte, si è fermato. E, in omaggio al grande fotografo italiano, Triennale Milano ha inaugurato due mostre che saranno visitabili fino al 13 marzo 2022. Giovanni Gastel è stato uno dei più affermati fotografi di moda e per lui hanno posato nomi come Donatella Versace, Barack Obama,Monica Bellucci, Mara Venier e tanti altri, molti dei quali, oltre 200 , sono esposti in Triennale Milano.

Bianca Balti per Giovanni Gastel
Bianca Balti per Giovanni Gastel

The People I Like a Triennale Milano

"The People I Like" è il nome di una delle due mostre in Triennale Milano, nata in collaborazione con il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo. L'esposizione è stata curata da Uberto Frigerio e allestita da Lissoni Associati.

Monica Bellucci fotografata da Giovanni Gastel
Monica Bellucci fotografata da Giovanni Gastel

Sono esposti oltre 200 ritratti che ripercorrono il prolifico lavoro di Gastel e che comprendono i più grandi nomi dal mondo dell’arte, della moda, dello spettacolo, del design fino alla politica come Barack Obama, Ettore Sottsass, Fiorello, Tiziano Ferro, Bebe Vio, Franca Sozzani e tanti altri.

Barack Obama fotografato da Giovanni Gastel
Barack Obama fotografato da Giovanni Gastel

Giovanni Gastel ha infatti avuto una lunga carriera iniziata negli anni Ottanta con i primi servizi su Vogue Italia: “Giovanni Gastel è stato un sofisticato ritrattista del mondo. Non solo visi, ma corpi, mode, gioielli, tessuti, ambienti. Con un sorriso, faceva sembrare facile il gesto infallibile e preciso di un grande fotografo. Il suo lavoro si è intrecciato più e più volte con i percorsi di Triennale, cui aveva regalato idee, progetti e ispirazioni. Con queste due mostre la nostra istituzione rende il primo doveroso omaggio a questo genio generoso e scanzonato che Milano e l’arte hanno perso, troppo presto”, ha afferma Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano.

Stefano Boeri fotografato da Giovanni Gastel
Stefano Boeri fotografato da Giovanni Gastel

I gioielli della fantasia a Triennale Milano

"I gioielli della fantasia" è la seconda mostra che dopo essere stata esposta dl Museo Teatrale alla Scala, e aver circolato per sei anni nei più importanti musei europei di arte applicata, arriva in Triennale Milano. L'esposizione nasce in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea. L'esposizione è il racconto per immagini dell'omonimo libro commissionato da Daniel Swarovski Corporation nel 1991. La mostra comprende venti immagini che reinterpretano il gioiello creando un inedito parallelo tra il mondo degli oggetti e quello della figura umana.

I gioielli della fantasia © Triennale Milano – foto Gianluca Di Ioia
I gioielli della fantasia © Triennale Milano – foto Gianluca Di Ioia
Le campagne pubblicitarie più celebri di Giovanni Gastel
Le campagne pubblicitarie più celebri di Giovanni Gastel
976 di Stile e trend
Perché non puoi perderti la mostra su Carlo Aymonino alla Triennale di Milano
Perché non puoi perderti la mostra su Carlo Aymonino alla Triennale di Milano
Vico Magistretti in Triennale Milano con una mostra inedita: esposti non solo oggetti di design
Vico Magistretti in Triennale Milano con una mostra inedita: esposti non solo oggetti di design
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni