Photo credit @ActiveBlueDive
in foto: Photo credit @ActiveBlueDive

L'ultimo volo dell'Airbus A300 è durato poco più di tre ore e l'atterraggio è stato morbido e perfetto peccato solo che non sia avvenuto in un aeroporto ma in mare, al largo del porto turco di Kusadasi, e da quel fondo l'Airbus A300, costruito a Tolosa nel 1980, non riemergerà mai più. Oggi quest'aereo sommerso nel Mar Egeo è l'attrazione preferita dai subacquei lungo la costa occidentale della Turchia.

L'Airbus A300 sommerso al largo del porto turco di Kusadasi è decollato per la prima volta il 14 marzo 1980. L'aereo ha servito la Greek Olympic Airways per 20 anni prima di essere destinato al trasporto merci. Quando gli elevati costi di ispezione hanno reso l'aereo non più redditizio, l'A300 è stato acquistato da una compagnia privata, smantellato e portato a Kusadasi, dove è stato di nuovo completamente assemblato per essere affondato all'entrata del porto della città sulla costa occidentale turca. Vetri e bordi affilati sono stati rimossi prima che l'aeromobile facesse il suo ultimo volo verso il fondo del mare. Il particolare atterraggio è stato seguito da 3000 spettatori e numerosi capitani di barche sportive. Con una fusoliera lunga 54 metri e larga otto metri e ali grandi 45 metri, l'Airbus A300 domina i fondali marini.

Hemen hemen her batığın kendine özgü bir tarihi, ilginç bir hikayesi veya ona bağlı bazı çözülmemiş gizemleri var. 2017 yılında Kusadasi Güzelçamlıda bulduğumuz Uçak Batığıda bunlardan bir tanesi. Batıklar , büyük yapay resifler(bilerek batırılmış olsun olmasın) ve deniz yaşamı genellikle etraflarında bol miktarda bulunur. Fotoğrafçılar olarak, aynı görüntüde hem trajik yaşam kaybını hem de güzelliği tasvir edebileceğimiz bazı batıklar var. Batıklara dalmak ve fotoğraflamak birçok zorluğu beraberinde getiriyor. Çoğu zaman büyüklükleri ve derinlikleri, tüm alanı tek bir dalışta görmeyi imkansız kılar. Aynı bölgede birden fazla dalış yapma şansımız olsa bile, yine de (dekosuz) zaman ve hava ile sınırlıdır. Rahat ve konforlu bir batık dalışı için mükemmel yüzerliliğiniz ile birlikte batık dalışı eğitiminide almanızı güvenli dalışlar için tavsiye ederim. Bazı batıklar, dalış sırasında ekstra özen gerektirir, çünkü kablolar, ağlar ve diğer maddeler dalgıçlar için dolaşma(çapariz) tehlikesi oluşturabilir. Her dalış aktivitesi gibi, rahatınız ve tecrübe seviyenizde kalın. . . #homeofdiving #kiwiwatersports #wreckdiving #kuşadasıwreck #beoriginal #uwphotography #underwaterphotography

A post shared by Kubilay Akgür (@kubilay.akgur) on

L'Airbus A300 si trova a 22 metri di profondità, su un fondale sabbioso. L'aereo sommerso nel Mar Egeo oggi è l'attrazione preferita dai subacquei perché già dalle prime impressioni l'immersione sul relitto dall'alto è magnifica. Per resistere alle violente tempeste autunnali e invernali, l'enorme scafo è stato attaccato al fondo del mare con la massima sicurezza e per consentire ai subacquei una discesa sicura verso il nuovo relittoSi accede attraverso il lato della fusoliera dove il sub viene introdotto in un velivolo gigante. "I finestrini della cabina consentono alla luce del sole vicino alla superficie di brillare all'interno dell'aeromobile e illuminare la scena quasi inquietante. Il momento clou dell'immersione è un percorso attraverso l'interno dell'A300 per visitare la cabina di pilotaggio.", raccontano i sub professionisti dell'Active Blue Diving Center, "I raccordi, i cavi e gli interruttori sono stati tutti rimossi, ma è una sensazione speciale sedersi in uno dei tre sedili della cabina di pilotaggio e guardare oltre, nell'impenetrabile grigio blu del Mediterraneo".