Solo nel 2018 in Turchia si sono registrati 440 decessi per femminicidio. Per smuovere le coscienze su questo problema così critico e delicato, l'artista turco Vahit Tuna ha realizzato un memoriale fatto con 440 paia di scarpe nere col tacco da donna su un enorme facciata ceca di un edificio a a Kabataş., in Turchia. Ogni paio di scarpe simboleggia una vittima di femminicidio. Le immagini di questa gigantesca parete di lutto sono impressionanti e non si può restare indifferenti.

Il memoriale di Vahit Tuna è stato realizzato per commemorare le vittime di violenze domestiche, che in Turchia sono in aumento. Composta da 440 paia di scarpe nere col tacco, l'opera si trova su una parete curata dalla piattaforma artistica no profit Yanköşe. Ogni anno il collettivo chiama a rotazione degli artisti ad esporre i propri lavori su 2.800 piedi quadrati di superficie murale situata a Kabataş, in Turchia.La piattaforma no profit Yanköşe è stata fondata dalla catena di caffè turca Kahve Dünyası. Ogni paio di scarpe sulla parete realizzata da Vahit Tuna è simbolo di una donna vittima di femminicidio. L'artista turco spera con la sua opera di smuovere le coscienze e far acquisire maggiore consapevolezza sul problema. Solo nel 2017 il 58% di decessi femminili nel mondo è stato causato da atti di violenza domestica da parte di familiari o partner delle vittime.

Ogni paio di scarpe nere è un femminicidio avvenuto in Turchia nel 2018. L'uso delle scarpe sulla parete di Vahit Tuna per commemorare le vittime di violenza domestica fa riferimento alla tradizione turca per la quale quando muore qualcuno fuori la casa del defunto si appendono un paio di scarpe alla porta. Il tacco, simbolo di femminilità, della donna, in questo caso serve a porre l'attenzione su un problema toccante e preoccupante che ci si augura possa un giorno trovare una soluzione positiva definitiva.