Credit Cafe & Konditorei Rothe
in foto: Credit Cafe & Konditorei Rothe

In questa Fase 2 post lockdown da Covid-19 stiamo lentamente assistendo alla riapertura di tutte le attività commerciali e ricreativa. Così sono tanti gli interrogativi che ci si stan ponendo per capire come rendere gli spazi pubblici il più sicuri possibili e rispettosi delle nuove norme sanitarie. Barriere in plexiglas, fioriere, serre di vetro o arredi spaziali, le idee dal mondo del design per rispettare il distanziamento sociale sono tante ed originali. In Germania, il Cafe & Konditorei Rothe della città di Schwerin, ha ideato un copricapo in grado di garantire la distanza di sicurezza tra i vari clienti.

Jacqueline Rothe, proprietario Cafe & Konditorei Rothe, ha creato dei cappelli che garantiscono la distanza di sicurezza anti Covid-19 usando dei semplici tubi galleggianti da piscina che mantengono a distanza gli avventori. Ad ogni cliente viene chiesto di indossare un cappello di paglia con i tubi colorati cilindrici in schiuma di polietilene fissati nella parte superiore del cappello. Il copricapo non solo si è rivelato utile per mantenere la distanza di sicurezza ma è anche divertente ed originale. Rothe osserva: "In questi tempi difficili, è un piacere far sorridere gli altri". Ogni bizzarro copricapo crea una zona sicura intorno a ciascun cliente che, tuttavia, non è costretto ad indossare il copricapo per sedersi a tavola, ma può scegliere se metterlo.

La Germania, come gli altri paesi europei, sta tentando di tornare alla normalità e di riaprire in sicurezza tutte le sue attività. Tuttavia, la vita è ancora lontana dal tornare alla normalità: molte attività devono aderire a specifiche norme igieniche e di distanziamento sociale. Cafe & Konditorei Rothe nella città di Schwerin è uno di quei posti che, attraverso uno stratagemma originale e divertente per garantire ai loro ospiti di stare a una distanza di sicurezza di 1,5 m, sta lentamente ripartendo. La Germania non è il solo paese dove sono stati adottati copricapo per contrastare la diffusione del virus: anche in Cina, in una scuola elementare di Hangzhou, i bambini hanno indossato cappelli con ali lunghe 1 metro per rientrare in aule.