Lo studio Diarchi ha realizzato una torre a spirale nella campagna vicino a Schenzhen che offre un'esperienza di meditazione ed osservazione della natura circostante per liberarsi della frenesia della vita urbana vicina. Shenzhen è infatti una delle città più popolose della Cina che ha avuto un aumento demografico improvviso in pochissimo tempo. Così la presenza di un luogo immerso nella campagna ha lo scopo di fornire ai cittadini di Schenzhen uno spazio di ritrovo naturale ed aggregazione.

"La torre si trova in una terra così vasta circondata da montagne. Il sito si trova in una zona alta, con una piscina riservata per l'irrigazione.", spiegano gli architetti di Diarchi, " Intorno alla piscina, abbiamo creato uno spazio semplice e diretto in modo che le persone possano osservare e sentire la natura a diverse latitudini. La linea di vista cambia anche dalla terra esterna alla piscina interna. Vedrai il cielo e lo stesso spettatore nella piscina. Quindi puoi camminare lentamente verso la cima della torre e catturare la terra che hai appena calpestato dall'alto. I turisti, la torre e la terra sono integrati qui. Il film bianco PTEE e la rete metallica tesa sono i materiali della torre. Tra la penetrazione e l'impermeabilità, presentano una spirale di 810 gradi".

La torre è realizzata con una membrana di PTFE bianco e una rete metallica tesa. Il design a spirale deriva dalla tradizione antica cinese che ne riconosce la fonte primigenia della Dea Madre. Questo significato simbolico della spirale viene valorizzato e accresciuto durante l'esperienza di risalita o discesa della torre che si ispira alla"promenade architecturelle" di Les Corbusier e assomiglia all'iconico museo del Guggenheim costruito a New York da Franck Lloyd Wright e che ancora oggi rappresentano delle esperienze architettoniche emozionanti.