L'acquedotto di Veluwemeer è ​​l'originale ponte sull'acqua realizzato a Harderwijk, nei Paesi Bassi orientali, dove passano quotidianamente sia barche che automobili. L'incredibile opera ingegneristica è un ponte costruito nella N302, che costituisce il confine tra le province di Flevoland e Gelderland, dove il flusso di 28.000 veicoli viene fatto scorrere anziché sopra l'acqua, sotto il livello fluviale: sopra le barche, sotto le automobili!

Aperto dal 2002, l'acquedotto di Veluwemeer è una straordinaria opera di architettura e ingegneria. Questo ponte sull'acqua consente il passaggio quotidiano di 28.000 veicoli. La particolarità di tale opera è che per un certo tratto il ponte si inabissa, sfruttando la poca profondità di 3 metri del tratto da attraversare, facendo passare le automobili sotto l'acqua mentre le imbarcazioni continuano a passare al di sopra. Nelle fotografie scattate del posto l'illusione ottica è mozzafiato. Il ponte sull'acqua a Harderwijk misura 25 metri di lunghezza per 19 metri di larghezza e consente il passaggio di piccole imbarcazioni e altri veicoli acquatici. Su entrambi i lati sono presenti anche dei passaggi pedonali. A differenza dei ponti levatoi o di altre strutture stradali, il progetto dell'acquedotto di Veluwemeer consente un flusso di traffico costante su strada e in acqua.

Il ponte sull'acqua costituisce anche uno degli acquedotti più corti del mondo ed è stato possibile per la scarsa portata di acqua che porta Veluwemeer. La carreggiata che passa sotto l'acquedotto Veluwemeer serve a collegare la terraferma dei Paesi Bassi alla più grande isola artificiale del mondo. Il Flevoland è stato costruito da terreni bonificati nella regione ed è circondato da tre laghi artificiali locali. Quest'isola è in realtà composta da due sezioni drenate, Flevopolder e Noordoostpolder, che si uniscono per formare la provincia di 970 chilometri quadrati, sopra menzionata, Flevoland.