Da quando ha inaugurato nel marzo del 2010, la "Casa a testa in giù" è stata una delle maggiori attrazioni e fonti di divertimento per i visitatori dello zoo di Getorff, in Germania. Su un tetto a punta che funge da pavimento, sostenuto da travi in ​​acciaio in soffitta, la casa ha un'altezza interna di 8 metri. Ha una cucina, un bagno, un soggiorno e una camera da letto completamente capovolti.

All'interno tutto, dalla ciotola della frutta, ai divani e al lavello della cucina sono appesi sopra la testa dei visitatori. In totale sono avvitati 50 pezzi al pavimento-soffitto, compresi letti, tavoli, un forno a microonde e le cornici. Alcuni elementi, come la biancheria, ha addirittura richiesto ago e cotone per essere fissati a testa in giù. L'abitazione è stata anche costruita su una leggera salita per sfidare la prospettiva dello spettatore.

La casa nasce da un'idea di Dirk Oster, investitore di Amburgo, che ha commissionato ai falegnami locali Gerhard Mordhorst, Gesellse Splettstößer e Manfred Kolax di realizzare l'insolito edificio. "E' stata una sfida per noi", ha detto Mordhorst, "Si doveva pensare costantemente all'immagine speculare. Abbiamo trovato il bagno il più difficile da mettere insieme a causa di oggetti ingombranti, come la doccia".

La casa dello zoo di Getorff non è l'unico esempio di abitazione capovolta: l'architetto polacco e uomo d'affari Daniel Chapevski ha costruito nel villaggio di Shimbark, in Polonia, una casa a testa in giù, simbolo dell'era comunista; rovesciare l'abitazione è stato il suo modo per dire che il comunismo è finito in Polonia.