L’inaugurazione della mostra della Fondazione Prada che ha avuto luogo qualche giorno fa a Ca’ Corner della Regina a Venezia. De Maria fece parte del gruppo di artisti che, nel 1969, contribuirono a creare la mostra “Live in Your Head. When Attitudes become Form” curata da Harald Szeemann alla Kunsthalle di Berna.

La mostra di Venezia riprende proprio la celebre esposizione che fu una svolta nel panorama artistico per la novità dell’essere concepita non più come uno sterile elenco di opere ma come un medium linguistico. “When Attitudes Become Form: Bern 1969/ Venice 2013″ curata da Germano Celant in dialogo con Thomas Demand e Rem Koolhaas, è stata creata per riproporre il procedimento espositivo della mostra di Berna dove non sono presenti costrizioni perimetrali, difese o piedistalli. Il tutto deve contribuire alla fusione di tutte le opere in una sola che, come una sorta di organismo vivente, è in continua evoluzione. Se la Kunsthalle di Berna, nel non troppo lontano 1969, era stata invasa da una generazione di artisti rivoluzionari, i decorati saloni della Ca’ Corner di Venezia sono occupati dalle sale novecentesche della Kunsthalle. Tutto questo porta ad una sovrapposizione di spazi che crea legami sempre diversi tra opera e opera e opere e ambienti. In occasione dell’inaugurazione della mostra “When Attitudes Become Form: Bern 1969/ Venice 2013″, è stato pubblicato un volume di 600 pagine con una raccolta di fotografie, molte delle quali inedite, scattate a Berna, una prefazione di Miuccia Prada, un saggio-intervista di Germano Celant e due dialoghi con Thomas Demand e Rem Koolhaas. Inoltre sono stati anche raccolti dei contributi storici e teorici di curatori e critici famosi in tutto il mondo.

Tra gli artisti presentati alla mostra figuravano, per citarne alcuni, Carl Andre, Giovanni Anselmo, Richard Artschwager, Joseph Beuys, Alighiero Boetti, Hanne Darboven, Walter De Maria, Jan Dibbets, Michael Heizer, Eva Hesse, Jannis Kounellis, Sol LeWitt, Richard Long, Mario Merz, Robert Morris, Bruce Nauman, Claes Oldenburg, Robert Ryman, Sarkis, Richard Serra, Keith Sonnier, Lawrence Weiner e Gilberto Zorio. In occasione di “When Attitudes Become Form: Bern 1969/Venice 2013” sarà pubblicato un volume scientifico che comprenderà l’antologia completa delle immagini, moltissime delle quali inedite, scattate dai fotografi presenti a Berna oltre al contributo di storici, teorici, curatori e critici di fama internazionale (Pierre Bal Blanc, Claire Bishop, Benjamin Buchloh, Charles Esche, Boris Groys, Jens Hoffmann, Chus Martínez, Glenn Phillips, Christian Rattemeyer, Dieter Roelstrate, Anne Rorimer, Terry Smith, Mary Anne Staniszewski, Francesco Stocchi, Jan Verwoert) con l’intenzione di offrire uno strumento editoriale completo e multiforme tanto sui temi della ricostruzione e del “re-enacting” di oggetti, ambienti e mostre, quanto sulla pratica legata alla creatività, alla logica e al fare del curatore.