È dal 1978 che la Miniera di Wieliczka, a Cracovia, è Patrimonio dell'Unesco. Per chi si reca in Polonia, una visita a quelle che sono alcune delle miniere di sale più antiche del mondo è d'obbligo. E non è per i suoi suggestivi cunicoli e caverne che ci si reca in un questo luogo ameno, bensì perché oggi Wieliczka è conosciuta come la cattedrale di sale sotterranea del paese. Candelieri, pavimenti, altari, colonne e paramenti sacri, tutto all'interno della ex miniera è scolpito interamente nel sale. Funzionante dal XIII secolo, l'estrazione di sale è avvenuta fino al 1996 e la massima profondità raggiunta di estrazione è di 327 metri per un'estensione totale di più di 300 km. La miniera è caratterizzata da nove livelli dove oggi ad accedere sono turisti e abitanti del villaggio che vengono ad ammirare lo splendore della cattedrale scavata nel sale.

Ogni anno circa 800000 persone si recano in questo prodigio dell'uomo: cappelle, decorazioni, statue religiose e laiche, sono tutte state scolpite nel sale dai minatori. I visitatori scendono sottoterra all'interno di gallerie e cunicoli per ammirare 20 sale incorniciate da 800 scalini tutti scolpiti nel sale.  Nella storia della cattedrale più di 30 milioni di turisti sono arrivati qui per ammirare le prodezze dei minatori ma anche per approfittare inalazioni di vapori salini utili a guarire le allergie croniche, asma e altre malattie respiratorie. A 135 metri di profondità invece si trova il Museo delle Saline Cracoviane dove è possibile visionarie tutti gli strumenti utilizzati per l'estrazione del sale. Si accede al percorso di visita dell'intera miniera attraverso il Pozzo, ma lo sguardo resta sbalordito quando entra nella Cattedrale di sale dove si possono ammirare riproduzioni dell’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci, della Crocefissione fino all’apparizione di Cristo agli Apostoli. Insomma uno spettacolo di sale che non potete perdervi se vi recate in Polonia.