I templi, le chiese, le cattedrali o le moschee nel passato sono sempre state le architetture più imponenti e suggestive che l'uomo abbia mai realizzato, capaci di creare meraviglia e stupore, timore e rispetto. Ma come è cambiata oggi la costruzione dei luoghi di culto? Come sono le architetture religiose dell'era moderna? Il prossimo novembre, a Singapore, una serie di edifici religiosi, i più suggestivi al mondo degli ultimi tre anni, saranno presentati in occasione del World Architecture Festival: WAF, dove la comunità dell'architettura mondiale si riunisce per celebrare, imparare ed essere ispirati. World Architecture Festival è il più grande evento internazionale di architettura del mondo. Esso comprende il più grande programma di premi di architettura del mondo, dedicato a celebrare l'eccellenza tramite presentazioni dal vivo a delegati e giurie internazionali. Più di 2000 architetti provenienti da 60 paesi partecipano al WAF. E in attesa del 4 novembre, quando sarà inaugurato l'Evento, una serie di finalisti di diverse categorie, dal residenziale al religioso, sono stati annunciati. Nove sono i luoghi di culto moderni scelti come i più belli fin ora realizzati.

Simili a grattacieli, ville o musei, gli edifici religiosi dell'era contemporanea continuano a stupire non tanto per la loro imponenza, come in passato, ma per la poesia e la spiritualità che riescono a comunicare.  I progetti finalisti al WAF sono enormi deroghe alle tradizionali forme degli edifici di culto delle differenti religioni. Da una chiesa la cui acustica sembra riprodurre il suono di un violino alla cappella dove possono essere accolti solo la sposa e lo sposo, ecco alcune architetture che sfidano il concetto di progettazione di spazi sacri: