ZDF-immagine

Zero lancia il primo Festival che precede di un mese il Salone del Mobile e riunisce tutti gli attori principali del design su Milano, per giocare d’anticipo e in riscaldamento alla Design Week. Una tre giorni di talk, giochi, interviste, live, con più di cinquanta ospiti dal mondo della critica, della comunicazione, del prodotto e delle scuole. Più una performance d’autore a chiudere il Festival.

La maratona di Zero Design Festival è iniziata ieri con Mai dire design un quiz semiserio sul design e dintorni, a cui hanno partecipato in squadra le principali riviste del settore: Domus (Loredana Mascheroni, Elena Sommariva), Abitare (Angela Rui, Mia Pizzi, Valentina Ciuffi) , AtCasa + Casamica (Alessandro Mussolini e Benedetto Marzullo), Interni (Maddalena Padovani, Katrin Cosseta, Nadia Lionello) ed Elle Decor (Tamara Bianchini, Paola Carimati e Ruben Modigliani) Subito dopo il primo dei tre talk moderati dal direttore Marco Sammicheli. L’intervista di venerdì è stata dedicata a Ippolito Pestellini, architetto associato OMA. Si è parlato del rapporto tra lo studio olandese e Prada. L’intervista si è conclusa con un question time aperto agli ospiti dei partner del festival e al pubblico.

La festa proseguirà oggi con la Student rumble pitch in cui un rappresentante per ciascuna delle scuole di design più importanti di Milano presenterà il progetto di uno studente, difendendo la bandiera della propria istituzione. Susanna Legrenzi per Naba, Paolo Lorini e Andrea Tosi per Domus Academy, Beatrice Villari per Politecnico di Milano e Lorenzo Palmeri per Ied. Il pubblico potrà votare l’esposizione migliore, che si aggiudicherà un premio di design e l’opportunità di confrontarsi con noti professionisti. A seguire, la seconda intervista: questa volta toccherà a Valentina Auricchio, nuovo direttore della rivista Ottagono. Insieme a Marco Sammicheli, animeranno il dibattito Francesca Molteni (Muse Factory of Projects), Federica Sala (MiArt_design) e alcuni docenti POLI.design, consorzio del Politecnico di Milano. Chiude la giornata Pr d’incanto, in cui i più importanti uffici di design pr si sfideranno per piazzare un pezzo scelto tra i progetti dei propri clienti. In quest’occasione il pubblico potrà aggiudicarsi a fronte di un contributo vantaggioso, prodotti di punta di alcuni importanti marchi del design italiano. Parteciperanno: Nicoletta Murialdo di Comunico, Michela Pelizzari e Federica Sala di PS, Katia Jorfida e Cristina Rota di Rota&Jorfida, Martina Gamboni, Irene Lopez di Quadrifoglio Comunicazione, Diana Marrone di Undercover, Gaia Bragadin di Giuffrida Bragidin. Tutto il ricavato sarà devoluto al Consorzio Farsi Prossimo per un progetto sull’emarginazione sociale nella città di Milano.

Domenica 17 si apre con l’evento performance di Riccardo Blumer e si chiude con la premiazione del quiz, dei pitch degli studenti e Design al kilo, Il gioco per scherzare sulla gravità del design dove insieme al nostro pubblico metteremo letteralmente sulla bilancia degli oggetti di design, chiedendo di scommettere sul peso. Chi indovina se li porta a casa. Per tutti e tre i giorni, il Red Bull design workshop: un laboratorio live in partnership con Red Bull, durante il quale quattro squadre capitanate da altrettanti designer (Paolo Cappello, Sovrappensiero, Giorgio Biscaro e Zaven). Un laboratorio live, in partnership con il celebre Energy Drink, dove i designer insieme agli studenti di POLI.design, consorzio del Politecnico di Milano, progetteranno live un prodotto appositamente pensato per il lancio di un’importante novità targata Red Bull.