Se vivere alla 007 è sempre stato un tuo desiderio forse dovresti dare uno sguardo a questo complesso missilistico sotterraneo dismesso in Arizona che di recente è stato messo in vendita per una nuova destinazione. Titan II una volta uno dei più importanti siti segreti di proprietà del governo americano ed ora è pronto per "compiere una nuova missione". Che diventi un deposito sicuro, un bunker sotterraneo, o una residenza particolare, l'incredibile struttura si vende per 395.000 dollari.

Il complesso missilistico Titan II si trova in Arizona, tra le città di Phoenix e Tuscon, e si estende su più di 12 acri sottoterra. Una volta scesi la struttura è caratterizzata da un labirinto di stanze le une nelle altre caratterizzate da soffitti alti e grandi dimensioni. L'annuncio di vendita di Titan II è apparso sulla sul sito di annunci Zillow e sembra che ci sia già un acquirente interessato a questo vecchio complesso missilistico da trasformare. Sul sito viene riportato anche un vecchio disegno della struttura dove si nota una grande stanza di controllo con strutture simili a librerie e cabine di pilotaggio ancora presenti sottoterra. Essendo stato uno dei più importanti siti segreti di proprietà del governo americano, il complesso è dotato di tutti gli allacci di corrente e acqua e forniture. È in attesa di essere convertito a nuova destinazione.

Che sia un deposito, un bunker o una casa, Titan II è uno dei luoghi più sicuri al mondo. L'enorme complesso missilistico sotterraneo dismesso dell'Arizona, proprio per le sue caratteristiche strutturali si presta perfettamente ad essere una casa a prova di Apocalisse per super ricchi, come la recente tendenza richiede. Sembra infatti che sempre più ricchi scelgono di vivere in sontuosi bunker super protetti e che sia in aumento negli ultimi anni la richiesta di bunker e case rifugio. Nell'ultimo anno l'acquisto di bunker e case con sistemi di sicurezza di alto livello sono aumentati del 150 per centro, soprattutto da parte di attori, atleti professionisti e politici degli Stati Uniti d'America. Chissà che l'aquirente di Titan II non sia tra questi.