Il 2016 ha assistito alla costruzione di vari edifici museali. Dal Messico al Giappone, sono tanti i nomi famosi nel campo dell'architettura incaricati di progettare nuovi musei che rappresentassero degli attrattivi punti di riferimento culturale nel mondo. Il museo del nuovo millennio non è infatti più pensato come incubatore di una collezione statica rivolta ad un pubblico locale e settoriale ma bensì in grado di attrarre spettatori nazionali ed internazionali e capace di confrontarsi con esposizioni mondiali sempre più aggiornate e stimolanti. E i nuovi musei aperti nel 2016 rispondono infatti a queste esigenze e non rappresentano solo la migliore casa per custodia e l'esposizione di opere ma facilitano il desiderio umano di riunirsi, offrono aree progettate per lo scambio e la diffusione delle conoscenze, l'ispirazione e la creatività.

Nel 2016 ha inaugurato la nuova Tate Modern a Londra: era da anni che si aspettava questo ampliamento di un museo cittadino che già rappresenta un punto di riferimento culturale per la capitale inglese e per il mondo intero. Il nuovo edificio è una torre piramidale progettata da Herzog & de Meuron. Si chiama Switch House ed è un edificio di 10 piani, con un’altezza complessiva di 65 metri, che sorge alle spalle dell'esistente Tate Modern ricavata negli spazi di quella che un tempo era la Bankside Power Station, una ex centrale elettrica sul Tamigi. La nuova Switch House è destinata ad accogliere i nuovi spazi espositivi e di formazione della Tate Modern.

Sempre a Londra ha aperto un'altra importante struttura museale: si tratta nel nuovo London Design Museum che si prepara ad essere un museo del 21° secolo con uno spazio amplificato: ben 10.000 metri quadrati sono destinati a spazi espositivi, educativi e di archivio. Il nuovo Design Museum di Londra ha trovato la sua nuova casa proprio nel quartiere culturale di Kensington. Il nuovo edificio ospiterà anche un Learning Centre Swarovski Foundation, un auditorium da 202 posti e una galleria dedicata alla sua collezione permanente, al piano superiore; mentre al piano terra e al piano inferiore ci sarà spazio sufficiente per ospitare contemporaneamente fino a sette esposizioni all’anno.

Nel mese di maggio 2016 il nuovo Museo di arte moderna di San Francisco ha aperto le sue porte al pubblico. Il progetto è stato curato da Snøhetta che ha immaginato il SFMOMA come una costruzione espansa che integra l'edificio originale Mario Botta con una struttura di 10 piani. Il museo ampliato offre tre volte più spazi espositivi, con accesso gratuito a gallerie al piano terra. A Puebla, in Messico, Toyo Ito ha completato il Museo Internazionale del Barocco, o semplicemente il MIB, cioè un museo interamente dedicato all'arte barocca. Puebla è la quarta città più grande del paese e il MIB sorge in un importante sito patrimonio mondiale dell'UNESCO. L'edificio stupisce per le sue forme fluide che contrastano le tipiche disposizioni rigide dei musei con una serie di pareti curve.

A Lisbona ha aperto il Museo MAAT di arte, architettura e tecnologia, in coincidenza con la Triennale di Architettura di Lisbona 2016. Il museo è ospitato all'interno di due edifici: una nuova struttura progettata da AL_A; e una ex centrale elettrica, che è stata rifunzionalizzata. La facciata sovrastante coperta di 15.000 piastrelle 3D è un riferimento alla ricca tradizione del Portogallo della ceramica. Oltre Londra, Lisbona, Puebla e San Francisco, anche le città di Shenzhen ha visto l'inaugurazione del museo MOCAPE realizzato da Coop Himmelb. Il National Mall di Washington DC, il museo nazionale di storia americana africana e cultura, ha aperto a settembre in seguito al progetto dell'architetto David Adjaye. OMA ha curato il nuovo padiglione del Musée des Beaux-Arts National del Canada du Québec (MNBAQ). Il Rose Museum, progettato da Next Architects, ha aperto al pubblico a Pechino. MVRDV e COBE hanno collaborato per realizzare il museo chiamato "Ragnarock". Chissà adesso cosa ci riserverà il 2017.