Un esercito di altalene sospese, in alto, nel cielo, con mille colori, volteggiano sulle teste dei passanti di rue Philippe II. Il vento le muove e crea un'atmosfera che sembra trascinare tutti nei ricordi dell'infanzia. È l'installazione dell'artista Max Mertens, originario di Lussemburbo, voluta dall'Associazione rue Philippe II in collaborazione con il Casino Luxembourg, il Forum d'Arte Contemporanea e la Città di Lussemburgo. Ogni anno i commercianti delle strade principali di Lussemburgo cercano di rendere le vie del commercio più attraenti ed accoglienti con installazioni artistiche e progetti creativi: quest'anno è stato Max Mertens ad aggiudicarsi il concorso per artisti allo scopo di realizzare un'installazione temporanea "nel cielo" di rue Philippe II e viale de la Porte-Neuve.

450 oscillano nel cielo di rue Philippe II a Lussemburgo: Swings è la nuova installazione dell'artista Max Mertens nel centro della città che ricorda gli ombrelli colorati di Agueda. L'elemento scelto da Mertens e ripetuto 450 volte evoca le altalene del passato, dell'infanzia lontana con una seduta di legno in cui passano coloratissime corde così robuste da sopportare il peso della sospensione. Ogni altalena è realizzata a mano da un artigiano locale. I colori delle corde sono così vivaci proprio per attrarre lo sguardo dei passanti che mentre camminano lungo le principali vie dello shopping hanno la sensazione di rivivere uno di quei pomeriggi d'estate di quando erano bambini.

L'opera di Max Mertens è parte di un processo di appropriazione di oggetti di uso quotidiano o di luoghi per dare loro una seconda vita. L'altalena è un oggetto facilmente riconoscibile che ricorda l'infanzia ed evoca l'estate. La semplicità dell'oggetto ha un impatto immediato sullo spettatore e una forza attrattiva. Significa riappropriarsi di un oggetto che, moltiplicato, viene inserito in un contesto inaspettato, sospesa su una strada del centro pedonale, un’altalena diventa un’opera d’arte divertente e giocosa