Gioia 22 – Credit Coima
in foto: Gioia 22 – Credit Coima

È all'occhio di tutti quelli che si trovano, anche solo di passaggio, a fare un giro tra i vari quartieri di Milano: la città è in pieno fermento edilizio. Sono numerosi i cantieri in giro per Milano e molti di questi comprendono futuri progetti residenziali, spesso destinati a nuove torri e grattacieli che rivoluzioneranno lo skyline della città. Dal grattacielo Curvo di Libeskind a City Life alla torre che sembra una Scheggia su via Melchiorre Gioia, ripercorriamo le strade di Milano alla grattacieli in costruzione che segneranno il futuro immobiliare non troppo lontano della città.

Milano è una città in piena trasformazione. Se ne sono resi conto i residenti che dall'Expo hanno visto rivoluzionare molti quartieri della città. Un esempio fra tutti è l'area di Garibaldi-Porta Nuova, dove in pochi anni sono emersi dal nulla i grattacieli di Piazza Gae Aulenti, il famosissimo e celebratissimo Bosco Verticale di Stefano Boeri, e dove ancora oggi si trovano cantieri in costruzione e dove presto saranno edificati quattro nuovi edifici. Grande attesa infatti è riservata alla torre Gioia 22, detta "Scheggia", che prenderà il posto dell’edificio ex INPS, e si inserisce nel più ampio piano di riqualificazione di Porta Nuova promosso da COIMA. Il progetto dello studio Cesar Pelli prevede prevede la realizzazione di un grattacielo di 26 piani fuori terra su 120 metri e 4 piani interrati per una superficie lorda totale di 68.432 m2. Non lontano dal Gioia 22 sorgerà il nuovo Headquarter del Gruppo Unipol, detto "Nido Verticale", all'incrocio tra via Melchiorre Gioia e via Castiglioni. L'edificio progettato dall'architetto Mario Cucinella sarà caratterizzato da una forma ellittica e si svilupperà su 23 piani fuori terra e 3 piani interrati per una superficie totale di 31.000 mq. L'esterno della torre avrà un particolare involucro a doppia pelle con una geometria a rete fatto in legno e vetro che permetterà alla torre di inserirsi armoniosamente in un ambiente già fortemente costruito.

Da City Life a Porta Nuova, dalla Maggiolina ai Navigli, Milano sta per rivoluzionare il suo skyline a colpi di nuovi grattacieli. Presto l'area di City Life, già interessata da varie progetti che ne hanno stravolto l'aspetto e l'urbanistica, vedrà la conclusione di Piazza Tre Torri, non solo con la realizzazione della porta di ingresso su progetto di BIG, ma per il completamente della Torre Libeskind, detta "Il Curvo", che con i suoi 28 piani, distribuiti in 175 metri di altezza, si aggiungerà ai grattacieli già esistenti progettati da Zaha Hadid e Isozaki. Sempre nell'area di City Life sorgerà la Torre Aurora è un complesso di tre edifici residenziali, costituito da due blocchi lineari e una torre, situati in via Silva 27, progettati al dettaglio e con materiali di pregio. L'area della Maggiolina e della Martesana è investita da un ampio progetto di rinnovamento che vedrà la realizzazione di vari grattacieli tra cui Torre Milano, un grattacielo residenziale di 23 piani che sorgerà a un passo da Isola e non lontano da Porta Nuova. Altro interventi si concentrerà nella zona di Cascina Merlata con il progetto di Uptown Milano, una uova torre da 24 piani che sorgerà nel distretto più green e più smart d’Italia. Grande attenzione si dovrà fare infine alle nuove costruzioni del Gruppo AbitareIn spa che al momento ha quattro cantieri aperti su Milano: Abitarein Maggiolina, Trilogy Village, Milano City Village e Palazzo Naviglio. Si tratta di grattacieli residenziali tutti incentrati sulla progettazione sostenibile e sulla qualità dei materiali.