23 Luglio 2021
12:49

La storia del Nuovo Stadio di Tokyo dove si tiene la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi 2020

Il New National Stadium sarà il palcoscenico delle Olimpiadi di Tokyo 2020 e teatro della cerimonia inaugurale. I giapponesi lo chiamano lo stadio giardino o foresta ed effettivamente il nuovo Stadio di Tokyo è un gioiello green fatto da una raccolta di pezzi di legno che evocano la tradizione delle belle gronde dell’architettura giapponese in modo contemporaneo.
A cura di Clara Salzano

La cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Tokyo 2020 è ormai vicina e il New National Stadium sarà teatro dell'evento. I giapponesi lo chiamano lo stadio giardino o foresta ed effettivamente il nuovo Stadio di Tokyo è un gioiello green fatto da una raccolta di pezzi di legno che evocano la tradizione delle belle gronde dell'architettura giapponese in modo contemporaneo.

Olimpiadi di Tokyo

Il New National Stadium, progettato da Kengo Kuma, sarà il principale palcoscenico delle Olimpiadi e Paraolimpiadi di Tokyo. L'ultima volta che le Olimpiadi si sono svolte a Tokyo, l'architetto Kengo Kuma era un bambino che guardava in TV ed era affascinato non solo dalle prestazioni degli atleti ma anche dalle architetture che ospitavano i Giochi olimpici come il Yoyogi National Gymnasium 1 dove gareggiava il nuotatore diciottenne Don Schollander, vincitore di quattro medaglie d'oro nelle gare di nuoto, e caratterizzato da un arco simbolico, opera dell'architetto giapponese di fama mondiale Kenzo Tange, di cui Kuma è stato allievo: “Da bambino, sono rimasto sbalordito dalla potenza degli straordinari esterni dell'edificio.", ha raccontato l'architetto giapponese, "All'interno, la luce del giorno entrava dalle aperture ricavate nell'alto soffitto e luccicava sulla superficie della piscina. È stata una delle cose che mi ha ispirato per la prima volta a sognare di diventare un architetto: voglio fare qualcosa di simile un giorno, ho pensato". E così, in continuità con il suo predecessore, un arco simile, che fonde forza e bellezza, si ritrova nel nuovo Stadio Nazionale di Tokyo.

Lo Stadio green

Il progetto di Kengo Kuma è risultato vincitore dopo quello di Zaha Hadid, scartato in fieri perché troppo costoso. Il New National Stadium sostituisce il vecchio stadio di Tokyo utilizzato per le Olimpiadi del 1964. Kengo Kuma per il nuovo Stadio Nazionale di Tokyo ha deciso di utilizzare legname proveniente da tutte le 47 prefetture del Giappone: il legname quadrato di cedro che misura 105 mm, la dimensione più comune in Giappone. L'utilizzo di legno giapponese ha un impatto ambientale inferiore rispetto al legno importato, nelle gronde che rivestono la periferia esterna, le capriate del tetto e l'interno dello stadio. E l'allusione è all'iconico Santuario Meiji, il cui boschetto è stato creato con alberi donati da tutto il paese. La maggior parte dei componenti dello stadio sono stati assemblati in moduli, rendendo più facile la sostituzione del legname con legno nuovo quando si deteriora con l'età. Il tetto ha una struttura a capriate che combina travi in acciaio e legno lamellare di sezione media, sfruttando la rigidità assiale del legno per ridurre al minimo la deformazione delle capriate dovuta al vento o ai terremoti. La principale caratteristica del nuovo stadio di Tokyo è l'elemento gronda, tipico delle architetture giapponesi, che corre attorno a tutto l'impianto e si arricchisce di piante rigogliose che rendono lo stadio un tesoro green.

Design universale

Il New National Stadium di Tokyo ha una capienza di 60.000 spettatori e più di 450 posti a sedere per utenti su sedia a rotelle, progettati in modo che la vista non sia ostruita anche se la persona davanti è in piedi. Kengo Kuma, grazie alla collaborazione con 14 organizzazioni che rappresentano utenti su sedia a rotelle e altri gruppi, non ha trascurato il design accessibile dello stadio: "Una delle preoccupazioni nella progettazione dello stadio era garantire che avesse i più alti livelli di design universale nella storia", afferma con orgoglio il team di progettazione. I servizi igienici sono dotati di altoparlanti e molte strutture, inclusi i servizi igienici principali e le sale d'attesa, dispongono di lampade flash per trasmettere avvisi di emergenza e altre informazioni importanti alle persone con problemi di vista o udito. È l'impianto calcistico più attento al design per tutti e da oggi sarà il palcoscenico privilegiato delle gare olimpiche e paraolimpiche.

Finale di Euro 2020 a Wembley: la storia di uno degli stadi più famosi del mondo
Finale di Euro 2020 a Wembley: la storia di uno degli stadi più famosi del mondo
10 luoghi in Italia per rilassarsi e ricaricarsi prima delle Olimpiadi di Tokyo 2020
10 luoghi in Italia per rilassarsi e ricaricarsi prima delle Olimpiadi di Tokyo 2020
607 di CS Design
I migliori alloggi d'Italia in cui rigenerarsi prima delle Olimpiadi secondo Veronica Yoko Plebani
I migliori alloggi d'Italia in cui rigenerarsi prima delle Olimpiadi secondo Veronica Yoko Plebani
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni