Incendio alla cattedrale di Notre Dame
17 Aprile 2019
09:19

Notre Dame, tutto quello che c’è da sapere sulla guglia crollata

Dopo il crollo della guglia di Notre Dame e di parte del tetto con l’incendio del 15 aprile si torna a parlare di restauro architettonico e il dialogo sul progetto per la ricostruzione della cattedrale e del suo elemento simbolo diventa tra i più complessi e vivaci oggi. Cerchiamo di capire l’importanza nella storia della guglia di Notre Dame.
A cura di Redazione Design
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incendio alla cattedrale di Notre Dame

Detta la Flèche, la guglia di Notre Dame era stata progettata su disegno dell’architetto e restauratore Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc nel 1860, in sostituzione dell'antica guglia duecentesca andata distrutta nel 1792. La guglia di le Duc era alta 45 metri e pesava circa 750 tonnellate. La sua posizione centrale, nell'incrocio tra il tetto del transetto e quello della navata principale, permetteva la sua visione da diversi punti della città.

La guglia era costruita con una struttura in legno, che poggiava sui quattro pilastri della crociera, e rivestita in piombo. La base della guglia era caratterizzata da un doppio ordine di finestre: bifore nell'ordine inferiore, monofore in quello superiore. Il suo crollo ha comportato il grave danneggiamento di una delle volte a crociera nella navata centrale. Sulla sommità della guglia di Viollet-le-Duc, a 93 metri di altezza da terra, si trovava un gallo di bronzo che era crollato tra le fiamme insieme alla guglia e si pensava fosse andato perduto. Oggi l'importante gallo è stato ritrovato intatto dopo l'incendio. Non si sa ancora se le antiche reliquie cattoliche che conteneva all'interno siano rimaste inviolate.

Dopo il crollo della guglia e parte del tetto di Notre Dame, il primo ministro francese Édouard Philippe ha dichiarato di voler indire un concorso di architettura internazionale. Il tema del restauro è un argomento molto delicato e sentito in Francia come in Italia. Da quando è nato il concetto d restauro l'Italia e la Francia hanno occupato sempre posizioni diverse, quasi antitetiche, rispetto al restauro. La guglia di Notre Dame stessa, costruita da Violet-le-Duc, è un esempio di tali posizioni. Se l'Italia infatti è la culla del restauro conservativo e critico (quest'ultimo ideato da Roberto Pane nella seconda metà del ‘900), la Francia da secoli predilige un restauro stilistico dei manufatti architettonici. Restauro stilistico era stato anche l'intervento di Vollet-le-Duc nel 1860, quando ricostruì la guglia di Notre Dame, dopo il crollo del 1792. Oggi come allora la questione torna viva e attuale.

75 contenuti su questa storia
Notre-Dame di Parigi: "Adotta un mostro" è la raccolta fondi per la ricostruzione
Notre-Dame di Parigi: "Adotta un mostro" è la raccolta fondi per la ricostruzione
Incendio Notre Dame a Parigi, tra le cause una sigaretta spenta male o un cortocircuito
Incendio Notre Dame a Parigi, tra le cause una sigaretta spenta male o un cortocircuito
Incendio Notre-Dame: su 850 milioni di donazioni promesse ne sono stati versati 80
Incendio Notre-Dame: su 850 milioni di donazioni promesse ne sono stati versati 80
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni